Cnsas dopo tragedia Monte Rosa: “Serve massima prudenza”

Il Soccorso Alpino invita tutti a prestare attenzione e a seguire regole basilari per muoversi in montagna. I funerali di Paola e Martina

Mondo alpinistico e del Soccorso alpino scossi per quanto accaduto sul Monte Rosa, dove due ragazze sono morte per assideramento. Le due giovani, insieme a un loro amico, sono state colte di sorpresa dalla bufera a 4.000 mt di altitudine.

Cnsas Siamo ancora scossi per quanto accaduto la scorsa notte sul monte Rosa dove due escursioniste sono decedute a causa dell’ipotermia severa. Dal coordinatore del Soccorso Alpino della Valle d’Aosta, Paolo Comune, un appello alla prudenza per chi in questi giorni frequenta l’ambiente di media e alta montagna.

Anche il Cnsas Veneto invita alla prudenza…

Siamo ancora scossi da quanto successo sul Monte Rosa, dove hanno perso la vita due ragazze a seguito dell’improvviso cambiamento del tempo e dell’arrivo di una bufera.
Non dimentichiamo mai quanto la montagna può mutare aspetto in brevissimo tempo. Oltre a portare con noi un cambio, abbigliamento caldo e antivento/pioggia, ricordiamoci di controllare e ricontrollare i bollettini meteo anche durante l’escursione. Stiamo assistendo a lunghi periodi altamente instabili, con perturbazioni che si manifestano anticipando o seguendo le previsioni. In alta quota, dove i ricoveri sono più rari, trovarsi coinvolti da una tempesta di neve improvvisa, e non così rara, può avere conseguenze terribili.
Prima di partire, controlliamo la presenza di eventuali bivacchi, rifugi, ricoveri, sul nostro cammino, per avere sempre presente la meta alternativa più vicina e non esitiamo a tornare sui nostri passi.
Anche se gli imprevisti non si possono calcolare, cerchiamo di essere allenati e preparati per il giro che intendiamo affrontare, in modo da rispettare i tempi di percorrenza, tarati sempre sul più ‘lento’, e non accumulare ritardi.
Muoviamoci sempre con la massima prudenza.

I funerali

paola viscardi facebook

 

La procura di Aosta ha concesso il nulla osta per il trasferimento della salme dal cimitero del capoluogo valdostano delle due giovani morte assiderate nella notte tra sabato e domenica sul Monte Rosa. Il funerale di Paola Viscardi, di 28 anni, residente a Trontano (Verbania Cusio Ossola), è fissato per mercoledì alle 14.30 nella chiesa parrocchiale di Masera (Vco).

Nella stessa giornata dovrebbe tenersi anche la cerimonia per dare l’ultimo saluto all’amica, Martina Svilpo, di 29 anni, residente a Crevoladossola (Vco), ma la data è ancora da ufficializzare.

 

La tragedia

Le due giovani erano sulla Piramide Vincent, a circa 4.150 metri, in compagnia di Valerio Zonna, di 27 anni, di Pettenasco (Novara), che se l’è cavata con congelamenti alle mani ed è stato ricoverato in Svizzera. Il gruppo è stato sorpreso dal maltempo nel primo pomeriggio di sabato. I soccorritori, senza indicazioni precise sulla loro posizione e ostacolati dalla bufera, li hanno rintracciati solo in serata. Le due ragazze, trovate in gravi condizioni, sono morte nelle ore successive.

 

LEGGI ANCHE Bufera sul Monte Rosa, Martina e Paola morte assiderate

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button