Dani Arnold col Petit Dru chiude in velocità le 6 pareti nord delle Alpi

La guida alpina svizzera ha iniziato il progetto nel 2011 con l'Eiger. Lo scorso 15 agosto da solo sulla via Allain-Leininger del Petit Dru in 1 ora e 43 minuti

Dani Arnold col Petit Dru chiude il cerchio delle 6 mitiche pareti nord delle Alpi. Ha salito lo scorso 15 agosto il Petit Dru (3.733 mt), nel massiccio del Monte Bianco, sulla via Allain-Leininger (900m TD+) in 1 ora e 43 minuti e 35 secondi. In solitaria. Lo svizzero ha stabilito anche qui il record di salita.

L’impresa di Arnold iniziò nel 2011 con l’Eiger, poi il Cervino nel 2015, il Pizzo Badile nel 2016, le Grandes Jorasses nel 2018 e la Cima Grande di Lavaredo nel 2019.

Aveva già salito la Allain-Leininger lo scorso anno con Michael Kräftner. Poi è tornato in autunno, ha studiato la via, le sue condizioni. A giugno scorso era di nuovo lì, ha salito la via con Roger Schäli (in 10 ore circa). Così rieccolo ancora lì a metà agosto, quando ha trovato condizioni perfette. E la mattina del 15 ha deciso di partire, di buon’ora…

Arnold ha raggiunto la vetta in 1 ora e 43 minuti.

Il racconto

Dani Arnold Si conclude un progetto molto grande. Tutto è iniziato con il record sulla parete nord dell’Eiger il 20 aprile 2011. E ora, più di 10 anni dopo, sono riuscito a salire la sesta e ultima grande parete nord delle Alpi, il Petit Dru, da solo e velocemente. Nel 2020 il progetto “Petit Dru” era al primo posto. A quel tempo, ho scalato la parete con Michael Kräftner per la prima volta in 14 ore.
La maggior parte della via è costituita da roccia. Tuttavia, questo è coperto di ghiaccio in molti punti, il che rende l’arrampicata molto pericolosa e imprevedibile. Non puoi semplicemente aspettare che sia abbastanza caldo e che l’acqua non sia più ghiacciata, perché se fa troppo caldo in questa parete, inizia la caduta di sassi. O addirittura intere frane come nel 1997, quando crollò l’intero pilastro Bonatti.
Ero consapevole che dovevo aspettare il momento giusto, altrimenti il ​​rischio era troppo alto per me. C’è voluta pazienza. Nell’autunno 2020 ci sono stato di nuovo. Per un giorno ho studiato la parete. Tuttavia, il limite di zero gradi era piuttosto alto e in qualche modo non avevo una buona sensazione. Ho quindi deciso di rimandare di nuovo.
Ero pronto a giugno 2021. Non volevo davvero perdermi il momento giusto per provarlo. Mi sono preparato e una volta sono andato a dormire sul Klausenpass per acclimatarmi bene. Il tempo e le condizioni erano molto sfavorevoli. Roger Schäli ed io abbiamo scalato la parete solo una volta a luglio. È stato di nuovo molto deludente. Ancora molta neve e ghiaccio d’acqua e soprattutto ora sapevamo esattamente dove si trovava la via e comunque ci sono volute quasi 10 ore. E di nuovo ho dovuto aspettare.
Il 14 agosto sono andato a Chamonix con Stefan Brugger. Alla fine è stato annunciato che il tempo era stabile. Il nostro obiettivo era quello di salire al bivacco il primo giorno e poi, se tutto era ok, il giorno successivo salire attraverso la parete. Ho pensato molto alla tattica giusta. Ho quindi concordato con Stefan che avrei dovuto provarlo da solo, se avessi avuto un buon feeling e la parete fosse in buona forma.
Stefan ed io abbiamo sistemato il bivacco comodamente sotto un masso. Poi siamo saliti insieme all’ingresso ed è stato tutto tranquillo per tutto il tempo. Nessuna pietra è caduta da questo muro alto 900 metri. La mia sensazione era buona, ho deciso la sera di provarla da sola il giorno dopo. A causa delle condizioni che cambiano rapidamente, ho deciso di portare con me una corda, un’imbracatura da arrampicata e materiale di sicurezza.
Abbiamo trascorso una notte molto piacevole. Al mattino ero molto motivato, ma anche molto teso. Pensieri come “È una buona idea o dovrei lasciarla?” mi girava in testa.
Al mattino, una troupe televisiva è volata su un elicottero per fare le riprese. Siamo andati all’inizio insieme. I miei occhi e le mie orecchie assorbivano tutto. Se fosse caduto qualcosa da qualche parte o se improvvisamente avessi dei dubbi su me stesso, non avrei iniziato a scalare. Per fortuna è rimasto tutto tranquillo. Quindi sono arrivato alle 8:46 in punto.
La prima parte della parete è un terreno piuttosto facile, tecnicamente non difficile, ma fisicamente impegnativo. Poi è diventato più ripido e mi sono sentito sempre meglio. Uno dei posti più scomodi era un caminetto umido. All’inizio pensavo di salire lassù con il mio zaino, ma non c’era possibilità. Quindi ho dovuto togliermi lo zaino, assicurarlo a un’imbracatura e spingerlo sempre davanti a me durante l’arrampicata. Altri due tiri seguono un incrocio molto scomodo, quasi sempre bagnato e ghiacciato. Per fortuna lì ho trovato una linea diversa quando sono salito con Roger. Tuttavia, questo è stato molto esposto e tecnicamente più difficile, ma almeno non bagnato o ghiacciato! Dopo il grande campo di ghiaccio al centro della parete è diventato di nuovo un po’ più ripido. Ho trovato il mio ritmo, ma non ho mai guardato l’orologio. Non mi importava del tempo in quel momento, ma ero molto consapevole che ora voglio dare tutto. Non era importante per me essere estremamente veloce. Ma volevo davvero dare il massimo, volevo dimostrare a me stesso che potevo farcela.
L’equipaggio ha filmato la parte superiore dall’elicottero. Ed è così che stavo in vetta. Per prima cosa ho messo in pausa il cronometro e poi ho provato a respirare con calma. È stato un momento molto bello, ma ero stanchissimo. Soprattutto nella testa. Questo progetto è stato molto difficile da realizzare, ma ne è valsa la pena al cento per cento. Più energia devo spendere per qualcosa, maggiore è la soddisfazione.
In vetta ho chiamato subito Denise, anche lei molto sollevata che tutto fosse andato bene. Anche Stefan e la troupe cinematografica, che mi stavano aspettando al bivacco, erano contenti che fosse andato tutto bene.
Solo pochi giorni dopo mi sono reso conto di aver fatto la salita più veloce su ciascuna delle sei grandi pareti nord delle Alpi, il che mi rende anche un po’ orgoglioso. Questo capitolo è iniziato più di 10 anni fa con la parete nord dell’Eiger e ora si è concluso con il Petit Dru. Non potevo pensare a una laurea più bella. Vorrei ringraziare tutti coloro che mi hanno supportato in qualsiasi modo, senza di loro non sarebbe stato possibile. Grazie.

LE 6 PARETI NORD DI DANI ARNOLD

2011 Eiger (Via Heckmair, 2 ore 28 minuti)
2015 Cervino (Via Schmid, 1 ora 46 minuti)
2016 Pizzo Badile (Via Cassin, 52 minuti)
2018 Grandes Jorasses (Via Cassin, 2 ore 4 minuti)
2019 Cima Grande di Lavaredo (Via Comici-Dimai, 46 minuti)
2021 Petit Dru (Voie Allain-Leininger, 1 ora e 43 minuti)

 

 

MAGGIORI INFO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button