Denis Urubko: Nulla è definitivo per me

Urubko parla di futuro e passato togliendosi anche qualche sassolino nei confronti dei vecchi compagni e lascia una porticina aperta per l'invernale al K2

Denis Urubko ha deciso di spiegare la sua decisione di abbandonare l’alpinismo estremo. Lo ha fatto sul portale Russian Climb dove parla anche dei suoi progetti futuri e di esperienze del passato…

Ho visto molte speculazioni negli ultimi tempi, molte persone hanno parlato di me anche per promuovere se stessi… “bla bla bla”. Quante bugie … sia dei registi che degli altri scalatori.

Il futuro di Urubko

Succede che i giornalisti offrano al pubblico queste speculazioni come la verità ultima. Ma la maggior parte di loro ha torto. E ora preferisco chiarire da solo. Non c’è nulla di definitivo per me, al contrario!

Tutto ciò che faccio in montagna potrebbe cambiare: tattica, tecnica e stile di arrampicata. Solo l’obiettivo rimane lo stesso. Pertanto, nessuno dovrebbe essere sorpreso se riapparissi in Himalaya, una o più volte … Ad esempio: perché non battere il record di Juanito Oiarzabal e scalare Cho Oyu quattro volte in una stagione? Una cosa del genere sarebbe molto più sicura e divertente di quello che ho fatto finora.

Ma l’alpinismo estremo non è più per me. L’apertura di nuove vie o le invernali in Himalaya non sono più per me.

Tuttavia, lascio una porta aperta, nel caso in cui mia moglie, Maria Jose Cardell, mi chieda di aiutarmi a tracciare un nuovo percorso in stile alpino. In questo caso, la aiuterò di sicuro.

Quel che è certo è che avevo deciso di chiudere con l’alpinismo estremo ancor prima di provare Broad Peak. Stavo scherzando con i miei due compagni, Don Bowie e Lotta Hintsa, sul fatto che questa era la mia ultima spedizione: stavo contando i giorni … ho detto loro: altri 45, 30, 20 giorni prima della fine della mia carriera in Himalaya.

Comunque ho messo molta, molta forza e tutta la mia anima in questo ultimo tentativo. Ho svolto molto lavoro di apertura del percorso. Ho fatto tre tentativi alla vetta, inclusi due da solo quando Don era malato.

Ho trascorso molti anni in alpinismo estremo, ne ho abbastanza. Ho soddisfatto le mie ambizioni e non vedo nient’altro che possa fare.

I miei diamanti

Cosa sono riuscito a fare in termini di eccellenza? I miei “diamanti” sono i miei cinque nuovi percorsi in stile alpino su Ottomila metri. Ho scalato veloce e ho registrato record di velocità dai 4.000 agli 8.000 m.

Ho fatto due salite invernali su 8.000 mt.

Ho scalato percorsi estremamente difficili su roccia da 2.000 a 7.000 metri, su bastioni e pareti in diverse parti del mondo, come il Kush-Kaya, l’Ushba, il Picco Vittoria, il Kali-Himal. Sono abbastanza soddisfatto di quello che ho fatto.

Da un punto di vista quantitativo… l’età è un problema dal quale nessuno sfugge. Non posso fare quello che potevo fare quando avevo 30 anni! È importante capire questo e non provare a correre come un criceto su una ruota.

Ho lavorato come allenatore per 14 anni e ho formato squadre forti. Ma molti organizzatori e partecipanti spesso non hanno fatto abbastanza sforzi. Troppi confondono la libertà come “non fare nulla” senza sforzo.

Tempo per la mia famiglia e la mia vita

Un altro motivo per cui ho smesso è la responsabilità. Mia moglie, i miei figli e i miei genitori hanno bisogno di maggiore attenzione e sostegno. Dopotutto, mi hanno giustamente detto: un buon arrampicatore è un arrampicatore vivente. Voglio passare più tempo con i miei cari.

Soprattutto, sono stanco di perdere tempo. Questo è successo troppo spesso. Ho trascorso molto tempo ad allenarmi e la mia famiglia e i miei amici mi mancavano troppo spesso.

Via i sassolini dagli scarponi

Le spedizioni sono durate da due a tre mesi, i miei partner hanno spesso dimostrato di essere un peso.
Ho dovuto fermarmi così tante volte a causa dell’irresponsabilità delle altre persone. Ora preferisco passare il tempo a fare altre cose.
Non mi piacciono le montagne: ho perso molti amici lassù. Mi piacciono le azioni e voglio sentirmi libero di scegliere … il mio modo di essere libero.

Ora intendo vivere una vita comune a quella delle persone normali: lavoro, bambini, hobby .. Mi godrò la vita. E arrampicata su roccia, ad alti livelli, ma in sicurezza. Sogno di salire fino all’8a.

Sì, è vero, ho salvato una dozzina di persone; e ho anche salvato molti dal congelamento e altre lesioni. E tre volte altri mi hanno salvato, quindi ringrazio i miei amici e compagni di spedizione. Ho salvato una dozzina di persone, ma questo dovrebbe essere visto in un modo diverso: pensiamo, ad esempio, ai medici dei dipartimenti di emergenza che salvano centinaia di persone ogni giorno. L’assistenza medica è la norma nella vita di molte persone. Tutto questo mentre io e gli altri scalatori, in realtà, realizziamo semplicemente le nostre ambizioni egoistiche o sportive.

Mi dispiace per le persone che mentono prima, durante e dopo la spedizione. Non voglio trascorrere tre mesi in una squadra piena di perdenti, deboli, bugiardi e pigri. Circa il prossimo tentativo al K2, dovrò vedere le opzioni.

Negli ultimi anni non abbiamo visto quasi nulla del vero stile polacco in alta quota (rispetto quello di Bargiel, ma è un diverso tipo di alpinismo). Tanti report, scuse, ma la realtà è che sono deboli. Tanto parlare dei risultati eroici del passato di Czichy, Kukuczka, Kurtika e altri, ma la generazione moderna non è in grado di affrontare l’alpinismo in alta quota. Gli ultimi che hanno realizzato qualcosa? Piotr Morawski con l’invernale dello Shisha Pangma e la mia nuova via sul GII in stile alpino. Se dimentico qualcosa, scusatemi..

Non insisto affinché si facciano salite estreme sugli 8000m, ma vorrei che si dicesse la verità. Spero che questa situazione cambi velocemente. I polacchi hanno buone possibilità di salire Broad Peak, GI e il K2 in inverno. Anche di aprire una nuova via sulla parete ovest dell’Annapurna o sulla Nord del Kanchenjunga. Le salite in velocità del Broad Peak o del Cho Oyu stanno attendendo dei veri alpinisti. Questa potrebbe essere la musica di noi polacchi in Himalaya e Karakorum.

fonte: russianclimb; foto: denis urubko facebook

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button