Fabre e Gerardi, prime donne della traversata no-stop Chamonix-Zermatt

Record da battere è di 26 ore e 21 minuti. 107 km e 8100 mt d+

Valentine Fabre Ce l’abbiamo fatta! 26 ore e 21 minuti. Da Chamonix a Zermatt da sole, due gambe (corsa e sci…!), 107 km, 8100 m in salita, in una sola spinta! Dalla chiesa di Chamonix alla chiesa di Zermatt il 4 aprile 2021.

Valentine Fabre e Hillary Gerardi hanno percorso la Chamonix-Zermatt in 26h21’.

La prima

Parliamo della prima traversata femminile no-stop della grande classica “haute route” scialpinistica del Monte Bianco. Si parte dal bacino d’Argentière sino a Zermatt, ai piedi del Cervino, per i grandi ghiacciai del Vallese.

Le due atlete

Valentine Fabre è un’atleta francese di scialpinismo e Hillary Gerardi è una skyrunner, americana ma residente in Francia. Bella impresa! Partite dalla chiesa di Chamonix alle ore 14 di sabato scorso sono giunte a Zermatt il giorno dopo alle 16:21.

Record

Sinora solo uomini avevano percorso la via in un’unica tappa. Il record maschile (16h35’) è del  2016 ad opera di Bastien Fleury e Olivier Meynet.

Fabre Riuscivo a malapena a immaginarlo nel 1999 quando ho fatto il mio primo percorso Chamonix-Zermatt Haute come tanti tournée di sci in 5 giorni! Ho condiviso questa folle avventura con l’incredibilmente motivata e talentuosa Hillary Gerardi, e siamo le prime donne a stabilire il record su questo via no-stop. Non la ringrazierò mai abbastanza per essere stato un buon amico in questo folle viaggio!
Lo sognavo da quando Laurent, mio marito, ha stabilito uno dei primi record maschili nel 2010 con Yann Gachet e Anthony Fraissard, al suo terzo tentativo. Li ho supportati in ogni tentativo, sperando segretamente di trovare una squadra di donne per provarlo un giorno. Poiché Laurent è morto in un incidente di montagna nel 2012, questa è stata non solo una sfida personale, ma anche un tributo a lui.
Sono molto grata per tutti i nostri amici che hanno creduto in questo sogno sostenendoci da Chamonix a Zermatt, dalla valle al ghiacciaio, e hanno condiviso con noi queste incredibili emozioni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button