Fari puntati sulla Grignetta per valorizzare la montagna

È l'idea nata da poco, utilizzando potenti fasci di luce. Ma gli ambientalisti si dicono perplessi

Luci sulla Grignetta. È nata da poco l’idea di illuminare una delle montagne simbolo delle Prealpi lombarde. Un’azienda del lecchese, che si occupa di illuminazione architettonica, utilizza proprio la luce come strumento per valorizzare strutture di interesse architettonico (edifici, costruzioni…).

Nei giorni scorsi sono state condotte anche delle prove, su Grignetta, Grignone e altri siti del circondario.

In pratica: parliamo di potenti fasci di luce sulle montagne per illuminarle e renderle visibili anche da lontano.

Un connubio tra estetica, tecnologia e ambiente. Sperimentazione continua, per utilizzare la luce in vari ambiti.

Gli ambientalisti si dicono perplessi. E in una nota, sottoscritta da WWF Lecco, Legambiente Lecco e Mountain Wilderness Lombardia, dicono, appunto, che “il progetto in sé lascia quantomeno perplessi”.

Fanno riferimento all’inquinamento luminoso, alla quiete della fauna selvatica…

La ‘spettacolarizzazione’ dei nostri meravigliosi paesaggi sta nella sua “naturalità” ed è quindi il caso di effettuare una riflessione maggiore e più approfondita per quanto riguarda l’aspetto ambientale.

© 2021, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

3 Commenti

  1. Che idea scellerata, proprio come la passerella sospesa ai Resinelli. Questo è il momento storico di riconnettersi all’ambiente smettendola di sfregiarlo e sfruttarlo inutilmente. L’energia elettrica ha un prezzo maggiore di quello monetario. Che continuino a lavorare in città. La montagna non è un obelisco.

  2. Condivido pienamente ciò che dice Federico. La passerella sospesa al Belvedere dei Resinelli è un obbrobrio. Era un angolo di paradiso naturale ormai irrimediabilmente rovinato.
    Vorrei vedere fra dieci o vent’anni….a cosa si riducerà tutta quella ferraglia bruttissima da vedersi anche dal lago.

  3. Un’idea che fa venire il vomito, così di deturpa la montagna altro che valorizzare, vadano a spiegarlo agli animali che ci vivono. Inoltre è un progetto fuori legge viste le norme contro l’inquinamento luminoso. Ignoranza pura…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button