Frana sulla Marmolada, caduti tra 100 e 200 metri cubi di roccia

La frana che si è staccata su Cima Uomo, 3.010 metri di quota sulle Dolomiti, nel massiccio della Marmolada, ha un volume compreso tra i 100 ed i 200 metri cubi.

Il materiale crollato non ha interessato sentieri particolarmente frequentati, che si trovano più a nord e salgono verso la cresta che porta in Val Contrin.

L’evento si è verificato verso le 17.30 un centinaio di metri sotto la vetta: a quanto si apprende c’è ancora roccia fratturata quindi sarà interdetto con un’ordinanza il passaggio nelle immediate vicinanze.

Cause

La situazione, apprende l’Ansa, non è particolarmente problematica dal punto di vista geologico, anche se sono possibili altri crolli nei prossimi giorni. La causa è difficile da stabilire, considerando che non ci sono stati recenti sbalzi di temperature e anche la fascia sopra i 2.800 metri, normalmente quella in cui le rocce sono soggette a severe escursioni termiche, è certamente influenzata dal caldo estivo delle ultime settimane. È normale, dice un esperto del Servizio geologico della Provincia, che le fratture tendendo ad allargarsi e raccogliere materiale, la tipica evoluzione delle Dolomiti, che si sono formate proprio con questi processi, magari più frequenti ultimamente, ma che geologicamente e storicamente sono sempre esistiti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button