Gran Sasso, rilasciati gamberi di fiume nei torrenti del Teramano

Nell'incubatore di Artisia
Nell’incubatoio di Arsita (Teramo)

Lo staff del progetto LIFE CRAINAT del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga ha provveduto nei giorni scorsi alle operazioni annuali di rilascio in natura dei gamberi Austropotamobius pallipes nati nell’incubatoio di Arsita (Te) nella stagione riproduttiva 2013-2014. Questa è l’ultima annualità del progetto dedicato alla conservazione del gambero di fiume autoctono, cofinanziato dalla Commissione Europea con i fondi del programma LIFE e il successo riproduttivo della specie, allevata presso l’incubatoio gestito dal Parco, è considerata più che soddisfacente.  Dopo le precedenti campagne di ripopolamento lungo i corsi d’acqua del versante aquilano del Gran Sasso, quest’anno il novellame prodotto è stato liberato in ambienti fluviali del versante teramano. I piccoli gamberi, nati in cattività nel mese di giugno, sono stati liberati in tratti di torrente con acque fredde e ben ossigenate. Anche in questa occasione la Direzione dell’Ente Parco ha espresso soddisfazione: «la liberazione in natura di esemplari appartenenti a specie rare, anche se si tratta di animali di piccole dimensioni, è sempre emozionante. Si è consapevoli di aver contribuito, anche se in minima parte, al tentativo di scongiurare il rischio d’estinzione di specie di elevato interesse conservazionistico».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button