Grand Canyon, misterioso virus colpisce i turisti

Tra aprile e maggio circa 150 persone hanno accusato i sintomi del norovirus. Ignote le cause...

Più di 150 persone che hanno visitato il Grand Canyon ad aprile e maggio hanno riportato sintomi di una malattia gastrointestinale. A renderlo noto è il National Park Service.
I sintomi – tra cui nausea, crampi allo stomaco e dolore, vomito e diarrea – sono rappresentativi del norovirus. Sono state implementate “misure di controllo” e ora pare che le cose vadano un po’ meglio.

Non si sa al momento la causa del virus.

Norovirus

Indicato come “l’influenza dello stomaco”, il norovirus è una malattia altamente contagiosa che provoca l’infiammazione dello stomaco e dell’intestino. I sintomi possono comparire da 12 a 48 ore dopo l’esposizione e possono causare vomito o diarrea ricorrenti durante il giorno, che possono portare alla disidratazione. Nella maggior parte dei casi, passa in uno o tre giorn. iIl virus si trasmette attraverso cibi o bevande contaminati; mettere le mani in bocca dopo aver toccato una superficie contaminata; o avere un contatto diretto con qualcuno infetto da esso (come condividere bevande o utensili con loro).

I funzionari del parco affermano che non è sicuro bere acqua da fonti naturali, come il fiume Colorado, ruscelli laterali, cascate o piscine. L’acqua raccolta deve essere filtrata e disinfettata chimicamente, o bollita.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button