Il Cai: “Nel 2022 manutenzione a 35mila km di sentieri in tutta Italia”

Il Club Alpino Italiano nel 2022 ha effettuato la manutenzione ordinaria e della segnaletica verticale e orizzontale di oltre 35mila km di sentieri in tutta Italia. Ciò grazie ai ofndi straordinari del Ministero del Turismo.
Questo è il dato che emerge alla scadenza del “Bando per la manutenzione ordinaria e segnaletica verticale della rete escursionistica italiana per l’anno 2022” e del “Bando per la manutenzione ordinaria/straordinaria e segnaletica del Sentiero Italia CAI per l’anno 2022”.
I due bandi prevedevano uno stanziamento di 300mila euro ciascuno, per un totale di 600mila euro, a favore delle Sezioni del Cai che si occupano della manutenzione dei sentieri delle montagne italiane. Entrambi gli stanziamenti, che prevedevano contributi a consuntivo, sono andati esauriti.

Il servizio

145 Sezioni di 19 regioni hanno fatto domanda per accedere al contributo previsto dal bando relativo alla rete escursionistica italiana, per la manutenzione, già effettuata, di 32mila km di sentieri.
Al contributo previsto dal bando relativo al Sentiero Italia CAI hanno fatto domanda 52 Sezioni di 17 regioni, per la manutenzione di 3300 km del tracciato che attraversa tutta l’intera dorsale appenninica, isole comprese, e l’arco alpino.

Il presidente generale Cai Antonio Montani Grazie al costante e straordinario impegno dei nostri volontari, abbiamo messo a valore i fondi straordinari stanziati dal Ministero del Turismo a favore delle attività del Club alpino italiano. Unendo il nostro lavoro a questo contributo, l’associazione ha reso un servizio pubblico, a beneficio dell’intera comunità, che potrà, anche grazie al nostro aiuto, godere della rete sentieristica nazionale.

Frequentazione sostenibile e microeconomie

L’obiettivo del Club alpino italiano, si legge su Lo Scarpone, è stato quello di massimizzare l’impatto dei fondi al fine di favorire lo sviluppo di attività di frequentazione sostenibile della montagna, nonché la creazione di microeconomie per coloro che vivono in queste realtà.

I sentieri sono un’infrastruttura leggera, stabile e, con un’adeguata manutenzione, duratura. Rappresentano pertanto il primo “strumento” con il quale promuovere la frequentazione lenta, curiosa e rispettosa delle nostre montagne.

Il Presidente generale del Cai precisa inoltre che 35mila km è solamente il dato relativo ai sentieri mantenuti attraverso i fondi dei due bandi.

Stimiamo, visto il tetto massimo dell’importo che ogni Sezione poteva richiedere, che i chilometri totali che i nostri volontari mantengono ogni anno possano essere oltre il doppio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Back to top button