Il giovane alpinista Jonas Hainz morto sul Monte Magro

Il giovane alpinista (25 anni) Jonas Hainz è morto ieri l’altro sul Monte Magro, vetta di 3.273 metri in Valle di Anterselva (Parco naturale Vedrette di Ries-Aurina). Il giovane appena un mese fa aveva salito in ‘free solo la via “Moulin Rouge” sulla Roda de Vael.

L’incidente

L’alpinista altoatesino, originario della Val Pusteria, è stato trovato morto sulle montagne vicino a casa. L’incidente risalirebbe al pomeriggio di sabato, quando non è rientrato dopo un’escursione sul Magerstein.

Il corpo è stato trovato a circa 2.400 metri e recuperato dall’elisoccorso ‘Pelikan 2’ e dagli uomini del soccorso alpino di Anterselva.

“Purtroppo – scrive il soccorso alpino di Brunico sui social – salutiamo il nostro compagno di soccorso in montagna e amico Jonas Hainz, morto ieri (corpo ritrovato oggi, ndr) mentre coltivava della sua passione sul Monte Magro (Magerstein). Le nostre più sentite condoglianze alla famiglia. Un ultimo recupero di montagna Joni, ci mancherai tu e il tuo sorriso”.

Moulin Rouge

Il 14 settembre 2002, gli altoatesini Chirstoph Hainz e Oswald Celva aprirono la via “Moulin Rouge” sulla Croda Rossa, la famosa parete del Catinaccio.

Si tratta una via del grado 9- su una parete alta 400 metri. A 20 anni di distanza, Jonas Hainz, il figlio di Christoph, ha ripetuto l’impresa free solo.
Prima dell’impresa, Christoph (60 anni) e Jonas (25 anni) hanno fatto la “Moulin Rouge” una volta assieme, poi Jonas è salito da solo, senza ulteriori prove, lasciando la corda nello zaino ai piedi della parete. Dopo un’ora e 5 minuti il giovane scalatore era in vetta. L’impresa è stata immortalata con il drone e con una telecamerina sul casco.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button