Il rifugio più alto dell’Himalaya sarà realizzato da abruzzesi

himalaya

Sarà il rifugio più alto dell’Himalaya e sarà realizzato da un gruppo abruzzese. Sorgerà sul Tashi Lapcha, a circa 6mila metri. Il gruppo di alpinisti è guidato dal teramano Davide Peluzzi e partità il 12 ottobre. Nome della spedizione: “Jobo Garu 2017”.

Con loro porteranno anche una tegola spezzata di Amatrice distrutta dal terremoto dello scorso anno.

“La realizzazione del rifugio avverrà grazie all’impegno dell’imprenditore e alpinista austriaco Josheph Einwaller, benefattore di Innsbruck – spiega Peluzzi ad AbruzzoWeb – i materiali verranno portati in parte a spalla, con l’aiuto degli sherpa del posto, e in parte con gli elicotteri. La struttura sarà base di strumentazioni scientifiche, oltre che punto di rifugio e di riferimento turistico e per lo studio dei ghiacciai”.

Con Peluzzi, capo spedizione, ci saranno gli abruzzesi Marco Di Marcello, Giuseppe De Angelis e Paolo Cocco, il marchigiano Giorgio Marinelli e il genetista dell’università di Bologna Marco Sazzini.

A consegnare la tegola è stato il 118 di Amatrice e tutta l’iniziativa ha il supporto del Cai di Amatrice.

© 2017, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button
Close