Siccità, riemergono sensazionali impronte di dinosauro

In questa estate di siccità in tutto il mondo emergono anche grandi impronte di dinosauri risalenti a circa 113 milioni di anni fa. Sono apparse sul fondo del fiume Paluxy, situato nel Dinosaur Valley State Park, nella contea di Somervell, in Texas.

La siccità e la conseguente diminuzione del livello dell’acqua che sta interessando anche l’America, hanno permesso di individuare le tracce degli animali normalmente ricoperte dall’acqua o dai sedimenti di fango.

Come spiega il National Park Service degli Stati Uniti d’America numerose impronte preistoriche sono giunte fino a noi poiché coperte da detriti quali sabbia e piccoli ciottoli e trasformatesi in rocce.

Questo ha consentito di preservarle per milioni di anni fino a quando l’erosione del suolo e la siccità non le hanno riportate in superficie, rendendole visibili. Non è perciò un caso imbattersi in orme di dinosauro anche se ogni ritrovamento è naturalmente sensazionale. Proprio in Texas erano state scoperte anche delle impronte fossili di un Sauroposeidon.

Le scoperte

Sono due i tipi di dinosauri individuati durante precedenti studi effettuati nel sito paleontologico: sauropodi e teropodi.

Le impronte dei sauropodi dovrebbero corrispondere a ‘Sauroposeidon proteles‘, un erbivoro di circa 21 metri di lunghezza per quattro metri di altezza con un peso tra le 40 e le 44 tonnellate. Le tracce delle loro zampe sono simili a quelli degli elefanti di oggi.

Secondo gli esperti, nel caso dei teropodi, si ritiene che le loro impronte siano state lasciate dalla specie carnivora ‘Acrocanthosaurus‘, un parente del ‘Tyrannosaurus rex‘ ma di dimensioni inferiori. Questo dinosauro sue due zampe, era alto circa sei metri per nove metri e pesava tra le tre e le cinque tonnellate.

 

2 Commenti

    1. Immagina in pavimento di cemento fresco con delle impronte… Successivamente vi si deposita altro materiale di altra consistenza e biodegradabile Come fogliame, o muschi…poi successivamente vi si depositano materiali inerti come pietrisco, sabbia ….poi ancora dopo il tutto è soggetto a parziale erosione ma il basamento più compatto può rimanere protetto a lungo fortuitamente non soggetto a infiltrazioni d’acqua con balzi da ghiaccio a liquido o acque acide…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button