Pubblicato il: sab, Gen 26th, 2019

In vetta al Nanga Parbat… poi l’odissea per Mackiewicz e Revol

sms_solidale_944
Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

26 gennaio 2018: Tomek Mackiewicz ed Elisabeth Revol in vetta al Nanga Parbat. I due, a distanza di un anno, hanno realizzato la seconda salita invernale della montagna. E la prima salita della parete nord-ovest fino in cima agli 8.126 metri del Nanga. Sono saliti in stile alpino, leggeri, veloci. La francese è la seconda donna nella storia a scalare un Ottomila nella stagioen invernale.

Ma poi l’irreparabile. La tragedia. Tomek Mackiewicz inizia a stare male, ha problemi alla vista, ha mal di montagna con tutte le conseguenza che gli provoca. Provano a scendere dalla montagna, ma il polacco non ce la fa. Elisabeth lo lascia al riparo e continua a scendere, deve salvarsi, deve allertare i soccorsi tentare di salvare il compagno bloccato a 7.000 metri circa.

Sappiamo tutti come è andata a finire la tragica vicenda. Revol si è salvata, grazie al titanico salvataggio di Urubko e Bielecki che in quei giorni erano al cb del K2 per tentare la prima invernale della seconda vetta della Terra. Per Mackiewicz nulla da fare. Impossibile un altro tentativo di salvataggio. Il meteo si mise contro. Gli elicotteri non potevano alzarsi e raggiungere quell’altitudine.

Il suo corpo è ancora là, sulla sua montagna. La montagna che aveva tentato di salire tante volte, la montagna che alla fine ha scalato e della quale ha visto la vetta.

La montagna dove riposa…

© 2019, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox