La mia quarantena in camper a 1700 metri

Yari Ghidone, giovane torinese, sta vivendo così l'isolamento con la sua cagnolina

Yari Ghidone, torinese, ha 27 anni e la sua quarantena è davvero insolita. E diremo, stellare. Il giovane sta vivendo l’isolamento imposto dall’emergenza Covid-19 nel suo camper a 1700 metri di altitudine.  Non è da solo. A fargli compagnia c’è la sua cagnolina, Cheriè.

La sua decisione l’ha presa subito, appena è scattato il lockdown. In quei giorni Yari si trovava a Sestriere e lì nei pressi ha deciso di rimanere. Nella solitudine, nella libertà, sotto una coperta di stelle. Si cucina la pizza, la carne, il pomeriggio è steso su un’amaca al sole, altri giorni con la neve e vicino al fuoco a riscaldarsi, ha copertura internet e infatti aggiorna i suoi profili social con le foto della sua quarantena.

Una dimensione di vita

La vita da camperista è la sua vita. Ne ha fatto una dimensione di vita. Immerso nella natura. Alcuni anni fa ha lascato il lavoro e ha deciso di cambiare vita. Col suo camper.

Fa la raccolta differenziata regolarmente, ha installato dei pannelli solari sul camper. Negli ultimi anni ha girato l’Italia, l’Europa.

Virale

La sua insolita quarantena sta diventando virale, in molti lo seguono, molti organi di stampa e siti web stanno riprendendo la sua storia…

fonte/foto: facebook, instagram yari ghidone

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

3 Commenti

  1. cerco che dare spazio a gente che per 60 giorni ha infranto(lo si vede nei video) quasi tutte le leggi ambientali che esistono…altro che rispetto della natura!!!
    accensione fuochi durante allarme incendi e ha lasciato ben due bracieri fregandosene di mettere a posto…
    recupero legname senza autorizzazione
    sversamento acque grigie e nere…(i primi video la diceva ad inizio video) non idoneo ossia in mezzo alla natura..visto che le aree camper sono chiuse per dpcm
    mancanza del rispetto del dpcm ossia in caso di quarantena doveva stare fermo nel comune di residenza e domicilio… e avvisare il comune dove si fermava(oh non era andato in afghanistan era a 15 min dal suo domicilio e residenza)
    parcheggio su manto erboso…
    e ce ne sono parecchie di ste cavolate…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button