La missione del G20: questo è il decennio dell’azione!

Arriva il rilancio comune per il clima e la transizione energetica. L'accordo tra i Paesi

G20 Clima ed Energia: dai grandi del Pianeta arriva il rilancio della missione comune per il clima e la transizione energetica con al centro le tecnologie pulite. Un accordo che vede tutti impegnati a lavorare in modo costruttivo per spianare la strada ad una COP26 di successo e per adottare una serie di risultati ambiziosi ed equilibrati, compreso finalizzare i mandati in sospeso dell’Accordo di Parigi.
Non è stato facile, alcuni punti sono stati rivisti, alcuni rinviati.

 

IN PRIMO PIANO

  • Trovare un accordo sull’uscita del carbone dalla produzione elettrica e dai finanziamenti internazionali
  • Impegno dei Paesi sviluppati di mobilitare 100 miliardi di dollari all’anno entro il 2020 e fino al 2025
  • Istituzioni finanziarie internazionali invitate a mobilitare maggiori finanziamenti per il clima e a fornire nuovi strumenti per accelerare la transizione all’energia pulita
  • Riconosciuto il contributo dell’energia alla produzione di gas serra e la connessione tra perdita di biodiversità e cambiamento climatico
  • Tutti i Paesi riconoscono l’avvertimento della comunità scientifica globale e dichiarano che questo deve essere il decennio dell’azione
  • Riconoscimento della criticità di mantenere l’incremento della temperatura entro 1,5°C
  • I Paesi che ancora non hanno presentato nuovi impegni nazionali di riduzione delle emissioni lo faranno entro la COP26, con strategie per la neutralità delle emissioni
  • Integrazione dei processi di bilancio e pianificazione nazionale per facilitare l’accesso ai finanziamenti per affrontare l’adattamento
  • Riconosciuto un nuovo ruolo delle fonti rinnovabili nel processo di transizione energetica
  • Rinnovato concetto di sicurezza energetica, delle fonti e dello stoccaggio di energia a fronte del rischio clima e degli eventi meteorologici estremi
  • Garantire che le misure di ripresa post-Covid siano ottimizzate per evitare danni ambientali
  • Adottato un “Piano d’azione per città intelligenti, resilienti e sostenibili” con aumento delle soluzioni basate sulla natura o approcci basati sugli ecosistemi nelle città

REPORT

 

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button