Linea Bianca fa tappa sulle Dolomiti Lucane

In onda sabato 22 Gennaio alle 15.20 su Rai1

Scenari naturali unici ed affascinanti, spettacolari guglie dolomitiche lavorate dall’erosione atmosferica: “Linea Bianca”, in onda sabato 22 Gennaio alle 15.20 su Rai1, sarà un viaggio nelle Dolomiti Lucane, nel cuore della Basilicata, in compagnia di Massimiliano Ossini e Giulia Capocchi.

La Puntata

In apertura Lino Zani e una guida alpina saranno a quota 1.900 in vetta al Monte Alpi, nell’incantevole contesto del Parco Naturale di Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane. “Sulle tracce degli arabi”, passeggiando nel fitto intreccio di vicoli, scale e casette del rione Arabata, storia e curiosità di Pietrapretrosa, il paese più alto della Lucania, fondato dagli antichi dominatori arabi che  si sono stabiliti qui  nel nono secolo. Un cavo metallico lungo 1400 metri, una velocità massima di 120 chilometri orari, un dislivello di 360 metri: da Pietrapetrosa a Castelmezzo, l’ebbrezza adrenalinica del volo d’angelo. Un’ atmosfera fiabesca, le case curatissime, la scala normanna scavata nella roccia che sembra salire verso il cielo, da ogni scorcio lo splendore delle Dolomiti Lucane, la magia di Castelmezzo, uno dei borghi più belli d’Italia. Un libro stampato nella natura, una storia fatta di incantesimi, magie e filtri d’amore che si tramanda da generazioni, una flora ed una fauna tipica degli ambienti montani: la prepotente bellezza del Parco di Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane, prezioso scrigno della biodiversità in Italia. 586 metri di lunghezza, 24 tonnellate di acciaio, sospese a 80 metri, che uniscono il Parco Nazionale del Pollino e quello dell’Appennino Lucano: a Castelsaraceno, l’incredibile opera tutta “made in Italy” del ponte tibetano più lungo del mondo.
Set di moltissimi film italiani ed internazionali, rinomata località turistica per visitatori italiani e stranieri: ad appena 50 chilometri da Matera, immersi in una realtà senza tempo, tra le aride e degradanti fiancate dei calanchi, l’affascinante desolazione di Craco, borgo fantasma abbandonato a partire dagli anni 60.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button