L’orso M49 rompe una finestra e si scola una bottiglia di olio

Ha prima cercato di entrare in una baita e poi si è addentrato in una malga

Si rifà vivo l’orso più ricercato d’Italia, M49-Papillon. Poche settimane fa demmo notizia di una sua bella scopacciata di miele, aveva fatto visita ad un’azienda. Ora l’orso M49 ha rifatto la sua comparsa distruggendo la finestra di una baita in montagna (sopra il paese di Brusago sull’altopiano di Pinè in provincia di Trento). Voleva entrare in casa!

A confermare la presenza dell’orso, ribattezzato Papillon l’estate scorsa dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa, è il Servizio foreste e fauna della Provincia Autonoma di Trento. Nei confronti del plantigrado le Province di Trento e Bolzano hanno emesso un provvedimento che prevede anche l’abbattimento nel caso dovesse avvicinarsi alle persone.

I sindaci della zona, Bedollo e Baselga di Piné, con un avviso hanno informato la popolazione che l’orso è in circolazione raccomandando di tenere gli animali domestici nelle abitazioni, quelli di allevamento nelle proprie strutture e di evitare di lasciare cibo all’esterno.

Quindi, finito il letargo, M-49 sta gironzolando per tutto il Trentino Alto Adige. Ora ha 4 anni.  Pare che l’orso, entrato in una malga, si sia scolato, come affermano dal Servizio Foreste e Fauna della Provincia di Trento, anche una bottiglia olio. Come abbia fatto…

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Tags

2 Commenti

  1. Lasciategli fare l’orso, è un animale stupendo ed intelligente ha diritto di vivere degnamente la sua già difficile vita,dovrà mangiare anche lui. Aiutamolo con amore.

  2. Concordo di trattarlo con amore! Povera bestia é un tenerone affamato e viglooso d’affetto non fategli del male ❤️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button
Close