Mangiano fiori velenosi sul Monte Grappa, marito e moglie salvati

I due durante una escursione mangiano fiori velenosi scambiandoli per acacia

Mangiano fiori velenosi, tragedia sfiorata sul Monte Grappa, Prealpi venete. Un coppia di Villa del Conte, durante una escursione nel settore occidentale del massiccio, hanno mangiato fiori velenosi, potenzialmente letali. Li hanno scambiati con quelli di acacia. Era il maggiociondolo.

Assaggio pericoloso

Entrambi, il marito, un 76enne, e la consorte, li hanno assaggiati mangiandone una piccola quantità. Da lì a poco i primi sintomi. Per lei un lieve malessere, ma il marito ha inziato ad accusare dolori forti e scompenso cardiaco. Una volta giunti al rifugio Alpe Madre hanno allertato i sanitari del suem di Craspano.

leggi anche Tre Cime di Lavaredo, cordate sbagliano via e restano bloccate

È intervenuto l’elisoccorso da Treviso che l’ha trasporto all’ospedale San Bassiano per un avvelenamento da alcaloidi tossici. Anche la moglie sottoposta ad accertamenti.

Per fortuna se la sono cavata. Ora entrambi sono fuori pericolo.

L’acacia

Acacia è un genere di piante della famiglia delle Mimosaceae (o Fabaceae secondo la classificazione APG).

In lingua italiana le piante più note comprese in questo genere sono definite mimose, mentre il termine acacia in lingua corrente si riferisce alla specie Robinia pseudoacacia.

Ci sono approssimativamente 1300 specie di Acacia al mondo, di cui circa 960 originarie dell’Australia e le rimanenti diffuse nelle regioni calde e a clima tropicale di entrambi gli emisferi, in Africa, nel sud-est asiatico e nelle Americhe. Delle circa 960 specie originarie dell’Australia, una in particolare è molto famosa a livello internazionale: Acacia pycnantha (in inglese: golden wattle), i cui colori giallo e verde (molto simili, a vista, a quelli della mimosa) sono utilizzati dalle squadre sportive delle federazioni australiane. Questo è il motivo per il quale le divise di tutte le squadre sportive nazionali del Paese del canguro (ivi inclusi calcio, basket, atletica, ciclismo, pallavolo e rugby) utilizzano la combinazione giallo-verde in luogo di quella blu-rosso-bianco, che invece rimanderebbe direttamente ai colori della bandiera nazionale.

Ha il significato di innocenza; l’acacia bianca è simbolo di amore platonico.

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button