Montagna Arcobaleno. Da vedere almeno una volta nella vita

Un trekking unico e magico in Perù sul Vinicunca (5.200 mt), chiamato anche Montagna dai sette colori

Di meraviglie su questo pianeta ce ne sono, ma la Montagna arcobaleno (Rainbow Mountain) è davvero unica. Un posto magico. È come se ci si trovasse dinanzi ad un arcobaleno caduto dal cielo e che, cadendo, abbia macchiato la terra di questa montagna.

Ci troviamo in Perù e da qualche anno sono meta di un bellissimi trekking per ammirare queste montagne dalle striature colorate.

Oggi sono oggi rese più accessibili grazie alla costruzione di alcune strade sino a pochi anni fa inesistenti, al fiorire di agenzie turistiche che organizzano trekking nella valle. Così una parte consistente di turisti che si riversava a Machu Picchu ha scoperto un’altra meraviglia di questa terra.

La Montagna Arcobaleno, come detto, è situata in Perù, all’interno della Cordigliera di Vilcanota, la parte più orientale delle Ande Peruviane meridionali. Supera di poco i 5.000 mt, ha altri nomi tra i quali Vinicunca. In spagnolo si chiama Montaña de Siete Colores, la gente del posto la chiama anche Cerro Colorado. Si trova nei pressi del villaggio Pitumarca, da Cusco ci si può arrivare in pullmann in un paio di ore.

Sullo sfondo c’è l’Ausangate, montagna tra le più alte delle Ande, alta 6.384 mt. Una cartolina che aumenta ancor di più il fascino di questo viaggio.

Il trekking

Per il trekking occorre affidarsi a una guida: il sentiero non lo si può percorrere da soli. Si può prenotare online o una volta giunti a Cusco. Dove vengono organizzate escursioni in giornata.

La durata è di circa 3 ore, lunghezza di 5 km e 700 metri circa di dislivello. La cosa da tener presente è che ci si trova, così come per il Trekkng di Machu Picchu (Inca Trail) ad una bella altitudine, la quale può può incidere notevolmente anche a chi è abituato a camminare. Meglio effettuare una breve acclimatazione nei giorni precedenti l’escursione. Comunque l’escursione la si può fare non solo a piedi, ma anche a cavallo. Per il ritorno si può percorrere la stessa via, oppure scendere per la Red Valley,  più lunga ma da vedere (tra dune rosse)…

Lungo il tragitto del trekking è possibile incontrare le comunità locali e la fauna locale allo stato naturale come i lama, alpaca e vicuña che popolano da secoli l’altopiano.

Il Vinicunca

Il Vinicunca (chiamata anche Montaña de Siete Colores e Montaña Arcoíris) è una montagna delle Ande alta 5.200 mt. Si trova a sud-est della città di Cusco, tra le province di Quispicanchi e Canchis, nella regione di Cusco, in Perù.

Vinicunca è stata inserita tra i 100 luoghi da visitare almeno una volta nella vita dalla National Geographic perché la peculiarità del luogo non è da individuarsi solamente nel paesaggio ma anche e soprattutto nel suo inestimabile valore naturalistico e geologico.

Descrizione

È caratterizzata dalla presenza di striature verticali parallele di 7 colori diversi, che fanno in modo che la montagna assomigli a un arcobaleno.
I diversi colori sono dovuti ai diversi minerali, che nel corso di milioni di anni si sono depositati e sovrapposti. Il fatto che oggi i diversi strati siano in strisce verticali si può spiegare con la tettonica delle placche: la collisione fra la placca di Nazcae la placca sudamericana ha spinto la crosta terrestre verso l’alto (generando la catena montuosa delle Ande).

I diversi colori sono dati dai seguenti minerali:

  • Il rosso è dato dall’ossido di ferro;
  • Il rosa è dato dal manganese;
  • Il giallo deriva dallo zolfo;
  • Il biancastro deriva dalla marna (carbonato di calcio);
  • L’ossidazione del rame per reazione con acqua e ossigeno ha portato alla colorazione blu-verde;
  • Il marrone è composto da un fanglomerato di roccia e magnesio;
  • Le strisce nere sono date dal granito

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button