“Morte dietro la cresta” di Glyn Carr. Omicidio tra le falesie del Galles

Un giallo in montagna (edito Mulatero) che unisce una trama avvincente e autenticità dei dettagli di arrampicata

Glyn Carr inventa complotti arguti e coinvolgenti in contesti alpinistici.

Mick Conefrey

 

IL LIBRO

Morte dietro la cresta Glynn Carr
La Copertina

Calato il sipario sulle ultime battute de La Tempesta, il grande attore shakespeariano Abercrombie Lewker già pregusta l’imminente vacanza in montagna, ad arrampicare come di consueto. La meta dello svago alpinistico cambia però all’ultimo momento e con la sua vecchia Wolseley fa rotta verso le montagne di Snowdonia, nel Galles del nord.
Alla fattoria dov’è diretto scopre che è stato organizzato un raduno alpinistico tra vecchi amici, una variegata combriccola, e lui stesso si unisce.
Ma il secondo giorno, sulla facile via normale del Milestone Buttress, il giovane scienziato ed esperto alpinista Raymond Cauthery cade e muore. Al fiuto del detective dilettante Lewker, l’incidente assume tinte sospette e, in un crescendo di suspense, il filo dell’indagine viene districato con sapienza fino all’ultima pagina, come nel più classico dei mysteries inglesi.

 

La serie di Abercrombie Lewker fu apprezzata in Gran Bretagna e negli Stati Uniti per la trama avvincente e l’autenticità dei dettagli di arrampicata.

Mick Conefrey

 

La Collana BRIVIDI

La sua opera di gialli consta di 15 romanzi, ormai dei veri classici di genere. Tra questi 5 sono stati già  tradotti in italiano (Collana Brividi di Mulatero Editore), piano piano arriveranno gli altri.

I Titoli

  • Morte dietro la cresta (Death on Milestone Buttress, 1951) ambientato nelle falesie di Snowdonia, nel Galles del Nord.
  • Assassinio sul Cervino (Murder on the Matterhorn, 1951) col fascino della Grande Becca e di Zermatt.
  • Un cadavere al campo due (A Corpse at Camp Two, 1955), si va in Himalaya.
  • Il picco delle streghe (The Youth Hostel Murders, 1952) in Gran Bretagna tra i monti e i laghi del Cumberland, nel nord-ovest dell’Inghilterra.
  • Sangue sul Monte Bianco (The Ice Axe Murders, 1958), scenario è il Tetto d’Europa.

 

 


AUTORE: Glyn Carr
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2018
COLLANA: Brividi
NUMERO DI PAGINE: 336
CONFEZIONE: brossura fresata
CARTA: book creamy 70 gr
FOTOGRAFIE: no
PESO: 0.4 kg
TRADUZIONE: 1^ traduzione italiana, a cura di Eva Allione
COPERTINA: Francesco Pavignano
EDITING E ADATTAMENTO: Leonardo Bizzaro
PREZZO: 19 euro

ACQUISTA SU MULATERO

 


L’AUTORE

GLYN CARR è lo pseudonimo di Frank Showell Styles (Birmingham 1908 – Bangor 2005). La giovinezza tra le colline del Galles del nord lo fa appassionare alla montagna. La Seconda Guerra Mondiale lo vede nelle file della Royal Navy, nelle acque del Mediterraneo, ma non perde occasione per camminare e arrampicare ad ogni licenza. Collaboratore del Punch, firma decine di libri con il suo vero nome, ma anche con gli pseudonimi C.L.Inker e Glyn Carr. In quest’ultima veste è il prolifico autore di una quindicina di avventure del detective dilettante Abercrombie Lewker, ambientate sulle falesie gallesi come nella valle austriaca dello Stubai, in Norvegia e sul Cervino.

 

 

© 2021, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button