Nel 2023 arriva il treno a idrogeno in Valcamonica

Il treno totalmente a idrogeno dovrebbe arrivare in Italia a fine 2023. In Valcamonica. Per ora è già realtà in Germania. A sei anni dalla sua comparsa e dopo i test avviati nel 2018, il Coradia iLint è ora in servizio sulla tratta Cuxhaven-Bremerhaven-Bremervörde-Buxtehude, nella Bassa Sassonia, con 14 treni regionali che sostituiranno gradualmente i 15 modelli diesel finora utilizzati.

L’ambiente ringrazia

La novità realizzata dalla società francese Alstom consentirà di assicurare un servizio efficace per i passeggeri e alleggerire il peso sull’ambiente, poiché 1 kg di idrogeno equivale a 4,5 litri di gasolio. Oltretutto è poco rumoroso ed ha un’autonomia di circa mille chilometri; per il rifornimento servono 15 minuti. Ha  velocità massima di 140 km/h e un’andatura media inclusa tra 80 e 120 km/h.

L’ambiente ringrazia: il risultato è l’assenza di emissioni, poiché a fuoriuscire sono soltanto vapore e acqua condensata, con un risparmio che i tecnici di Alstom hanno calcolato in più di 4.000 tonnellate annue di anidride carbonica.

Al momento l’idrogeno utilizzato proviene dall’industria chimica, e perciò la sua produzione non è a impatto zero, ma l’obiettivo di Alstom è cambiare registro dal 2024, alimentando i convogli con idrogeno ecosostenibile, ricavato tramite elettrolisi.

In Italia

Alstom sta costruendo 6 treni regionali che dovrebbero entrare in azione a fine 2023 sulla tratta Brescia-Iseo-Edolo con Ferrovie Nord, con un contratto da 160 milioni di euro e l’opzione per la produzione di altri otto convogli.

LEGGI ANCHE Appennino, via libera al treno a idrogeno

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button