Nuova via su Aguja Saint-Exupéry degli argentini Gratton, Degregori e Odell

I tre in stile alpino in due giorni su questa bellissima guglia della Patagonia (la prima salita è italiana). La via l'hanno chiamata "La volpe e la rosa"

Gli alpinisti argentini Horacio Gratton, Esteban Degregori e Pedro Odell il 26 e 27 gennaio scorsi  hanno aperto una nuova via sulla parete est dell’Aguja Saint-Exupéry (Patagonia). Una bellissima guglia. La via l’hanno chiamata El Zorro y la Rosa (La volpe e la rosa). La via è di 500 mt è stata salita in stile alpino, con bivacco su nevaio più o meno a metà via.

 

Horacio Gratton Qualche giorno fa insieme a Esteban Degregori e Pedrito Odell abbiamo aperto una nuova via sul lato sud-est della Ag. Saint Exupery. “La Volpe e la Rosa” 6c+ C1 500m (650m in totale).
Uno dei progetti che avevo in sospeso… Una bella linea, altamente raccomandabile, poiché l’avvicinamento non presenta difficoltà maggiori, in generale è abbastanza sicura in termini di pericoli oggettivi. Non è una via facile ma nemmeno estremamente difficile e dispone di lunghi davvero di alta qualità.

 

Aguja Saint-Exupéry

La Aguja Saint-Exupéry (2.558 mt) è dedicata all’aviatore e scrittore francese Antoine de Saint-Exupéry, il quale fra il 1929 e il 1931 è stato un pioniere dei voli postali in Patagonia.
L’Aguja Saint Exupéry è stata salita per la prima volta il 23 febbraio 1968 da Silvia Metzeltin, Gino Buscaini, Lino Condot, Walter Romano e Silvano Sinigoi, una squadra italiana di alpinisti che ha aperto una via di 800 metri sul suo pilastro est.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button