Oltre 300 alpinisti sull’Everest. Ancora ingorghi d’alta quota?

Come nel 2019, anche questa primavera sembra si superi quota 300 sull'Everest. Si spera in team veloci e più di una finestra di bel tempo. La novità è che non si potranno condividere foto e video

Dobbiamo prepararci a nuovi ingorghi sull’Everest? E, purtroppo, non solo a quelli…

La foto di Purja del 2019

Tutti ricordiamo la foto, divenuta virale, scattata da Nirmal Purja all’Hillary Step. Alpinisti in fila. Bloccati. Era il 2019. E nell’anno pre-pandemia, sull’Everest c’erano oltre 300 scalatori (318 per l’esattezza). Erano fermi lì, ad attendere il loro turno per salire. O scendere.

In 300 e più anche quest’anno

Quest’anno, al momento per questa stagione sono oltre 220 gli alpinisti internazionali che hanno avuto il permesso di scalata sul Tetto del mondo. Per oltre 20 team. E non sono tutti. Perché l’Assessorato al Turismo, come dice Angela Benavides su explorersweb, ci si aspettano circa 100 permessi in più.

I conti son presto fatti. Anche questa primavera si supererà quota 300.

Turismo necessario

Il Governo a più riprese ha adottato nuove misure per evitare il sovraffollamento, ma il Paese, dopo il terremoto e la crisi da Covid-19, ha bisogno di entrate. E la macchina turistica che ruota attorno agli Ottomila deve ripartire.

Le nuove regole

Nel frattempo, sempre il governo nepalese, ha introdotto una nova “curiosa” regola: il divieto di condividere foto e video di altri alpinisti sull’Everest.
Beh, suona così: almeno si cerca di evitare altre foto virali!

 

LEGGI ANCHE Governo del Nepal: “Divieto di foto e video sull’Everest”

 

La speranza

La speranza è che ci siano team veloci e più di una finestra di bel tempo il prossimo mese di maggio. Come non avvenne nel 2019.

Intanto, le prime squadre sono arrivate al campo base dell’Everest.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button