Orso marsicano investito da un camion

Non è morto sul colpo e al momento non è nota la gravità delle lesioni. L'incidente sulla SS17 all'altezza di Pettorano sul Gizio

Una brutta notizia arriva dal Parco nazionale della Maiella, dove un orso bruno marsicano è stato investito da un camion.

Parco Nazionale della Maiella Un orso bruno marsicano è stato investito stanotte al Km 144 della SS17 nel comune di Pettorano sul Gizio. L’orso, investito da un camion, non è stato ucciso sul colpo e la gravità delle lesioni riportate non è nota. Sono attualmente in corso sopralluoghi sul campo e indagini mirate ad acquisire tutte le informazioni possibili per stabilire le sorti dell’animale.
Questo è solo l’ultimo di una serie di episodi, alcuni dei quali purtroppo fatali per l’orso, avvenuti lungo la SS17 che attraversa un’area di connessione tra il Parco Nazionale della Maiella e la Riserva Naturale Regionale Monte Genzana Alto Gizio. Questo ennesimo incidente conferma l’importanza e l’urgenza di intervenire per la messa in sicurezza della SS17 come elemento fondamentale per la conservazione dell’orso bruno marsicano. Il Parco della Maiella, nell’ambito del progetto europeo LIFE SAFE-CROSSING, si è già attivato in questo senso predisponendo una serie di interventi come l’installazione di dispositivi elettronici per evitare l’impatto tra fauna e veicoli e l’installazione di specifici pannelli per promuovere un comportamento di guida responsabile. I prossimi interventi riguarderanno l’installazione di reti per favorire l’uso dei sottopassi e sovrappassi esistenti da parte degli animali in modo da evitare l’attraversamento della carreggiata.
Per garantire un futuro all’orso bruno marsicano è necessario l’impegno di tutti. Fondamentale sarà la cooperazione con gli altri partner del progetto LIFE (tra i quali in particolare il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise), con la Riserva del Monte Genzana e con ANAS ma altrettanto fondamentale sarà il comportamento dei guidatori: guidiamo con prudenza e nel rispetto dei limiti di velocità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button