Polacchi in vetta al Trydent e Gunj-e-Sar

I polacchi in esplorazione nella zona della Shimshal, Karakorum. Nei giorni scorsi avevano già salito un Seimila vergine battezzandolo Qtang Sar

AGGIORNAMENTO

Dopo l’acclimatamento e la salita di una montagna vergine, alla quale hanno dato il nome di Qtang Sar (6047 mt), abbiamo dettagli sui successi dei team polacchi nel nord Karakorum, nello Shimshal.

Sul Trydent

Maciej Kimel, Michał Czech e Wadim Jabłoński hanno aperto una nuova via “Discoteca Pakistana” sulla vergine parete ovest del Trydent (6153 mt). Difficoltà M6, WI 4+, V. Il team ha trascorso due giorni sulla parete. Le difficoltà sono per lo più misto e roccia, e la ciliegina sulla torta è stata la salita in vetta. Lunghezza: 800 metri.

Sul Gunj-e-Sar

I polacchi si erano divisi in due team. L’altro, formato da Adam Bielecki e Janusz Gołąb è riuscito nell’intento di scalata della parete nord del Gunj-e-Sar. L’hanno chiamata “Shimshal Highway”. AI 5, 1000 metri.
Una via di ghiaccio che conduce all’aereo crinale della vetta. Dopo aver lasciato la parete i due, il giorno dopo, hanno dovuto affrontare 300 metri di crinale complicato per raggiungere la vetta (6150 mt circa).

E non è finita qua…

Ora le due squadre sono rientrate al campo baso per riposarsi. Ma non è finita qua. Il viaggio durerà ancora dieci giorni e gli scalatori non escludono che una volta che si saranno riposati…

 


La spedizione esplorativa polacca nello Shimshal (karakorum) entra nel vivo. Questa prima salita fa parte di un acclimatamento in vista di progetti più seri, ma Adam Bielecki e compagni hanno messo la loro firma su una montagna vergine, alla quale hanno dato il nome di Qtang Sar (6047 mt). Ci trroviamo nella valle di Shimshal (Pakistan). Non è stata una salita particolarmente difficile, su terreno di neve e ghiaccio.

In esplorazione

Loro sono Adam Bielecki, Janusz Gołąb, Michał Czech, Maciej Kimel, Wadim Jabłoński. La loro missione è esplorativa, in quella zona vi sono interessanti picchi di Seimila e Settemila.

 

polski himalayzm sportowy

 


Archiviata la stagione delle invernali sugli Ottomila – dopo la conquista del K2 lo scorso inverno da parte del team nepalese – i polacchi hanno buttato l’occhio all’esplorazione…


 

Ora i loro obiettivi dichiarati sono le pareti del Gunj-e-Sar e del Trydent.

Tornando a questa cima, battezzata Qtang Sar, qualche riferimento si trovava sulle mappe di Janusz Majer e Jerzy Wali, era indicata come elevazione n. 211.

Polski Himalaizm Sportowy Questa valle scenografica offre un ampio campo di esplorazione. E questa inizierà tra due giorni, perché con la salita a 6047 mt gli scalatori hanno completato l’acclimatazione. Ora stanno riposando al campo. E poi si divideranno in due squadre, muovendosi per i principali obiettivi: Gunj-e-Sar e Trydent. Il tempo è fantastico, anche se fa freddo.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button