Sull’Everest con la figlia di tre anni: “Genitori, non siate iperprotettivi”

everest

Il fotografo 36enne Stefen Chown si è caricato tutto addosso e ha iniziato il lungo viaggio sull’Everest, sino al campo base con la figlia di 3 anni Jiahan e la moglie Lin.

Tendiamo a essere iperprotettivi con i nostri figli. Io voglio regalare alla mia delle esperienze da ricordare. Questa volta ne abbiamo condivisa una unica. 

Il viaggio per l’Himalaya è durato sette giorni, lunghi trekking, al freddo. Ma la piccola Jiahan no ha sofferto, dicono i genitori; era troppo impegnata a incantarsi nel guardare la natura e gli animali intorno, non si è mai lamentata.

Era la più sana tra noi durante il viaggio. Noi abbiamo avvertito un po’ di nausea e mal di testa. I bambini sono più resistenti e pronti ad adattarsi di quanto i genitori non pensino.

Ovviamente non sono partiti all’improvviso e senza una adeguata preparazione. Ma si è allenata per mesi.

La famiglia ha scelto un tragitto turistico, una passeggiata tra i vari villaggi che il padre ha percorso anche con un carico di quasi 30 chili: i 13 della bambina e i 15 dello zaino.

© 2016, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button