Svizzera, intero paese nell’Oberland bernese deve evacuare per 10 anni

A Mitholz fino al 2031, per la messa in sicurezza definitiva di un deposito di munizioni già esploso nel 1947 uccidendo 9 persone

Mitholz, un paesino nell’Oberland bernese. L’intera popolazione, circa 170 persone, devo nolasciarlo per almeno 10 anni. Il perché? Nei pressi del villaggio fu costruito, durante la seconda guerra mondiale, un grosso deposito di munizioni, già esploso nel 1947 (uccidendo nove persone). Ma una parte delle munizioni è stata rimossa, secondo una stima ci sarebbero, sotto i detriti, circa 3’500 tonnellate di munizioni contenenti diverse centinaia di tonnellate di esplosivi. Non è cosa da poco, in effetti. Quindi ora vi è il progetto da parte delle autorità svizzere di mettere in sicurezza il sito. E la popolazione deve allontanarsi. Addirittura sino al 2031. Il dilemma dei residenti adesso è se partire definitivamente o prevedere un futuro ritorno. La decisione ovviamente è più difficile per le persone anziana, contrarie ad abbandonare la propria casa, il proprio habitat e desiderose di trascorrere i loro ultimi anni in un ambiente familiare. Ovviamente in molti vogliono un giorno consegnare la casa di famiglia ai loro discendenti, senza che perdi di valore.

L’operazione, poi, avrà un impatto anche sui collegamenti stradali e ferroviari: saranno realizzate apposite infrastrutture per la messa in sicurezza.

fonte: rsi.ch, foto: tio.ch

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button
Close