Tragedia sul Dhaulagiri. Morto l’alpinista greco Antonios Sykaris

Ha perso la vita in fase di discesa a circa 7.400 metri

L’alpinista greco Antonios Sykaris è morto sul Dhaulagiri. La tragedia in fase di discesa (la vetta ieri alle 12:50, ora locale). La conferma arriva dal Campo Base: ha accusato un malore a 7.400 mt. intorno alle 4:00 di stamani. Sykaris era membro di una spedizione gestita da Seven Summit Treks.
Aveva esperienza di Ottomila: aveva scalato Everest, Lhotse, Annapurna, Dhaulagiri e Kangchenjunga. Nessun greco come lui. Voleva chiudere il cerchio, salire tutti i 14 Giganti della terra.
Nell’inverno 2019/2020 aveva tentato il K2, aveva raggiunto C3 e si era ritirato soprattutto per problemi di congelamenti.

Al Dhaulagiri era con la guida Dawa Sherpa. Che ha aiutato Sykaris a scendere per ore in attesa di una squadra di soccorso al Campo III.

Seven Summit Treks ha subito mobilitato una squadra per il salvataggio di Dawa e per il recupero del corpo del greco.

 

 

Antonios Sykaris

Nato nel 1962, era sposato, aveva una figlia.

Le principali salite

  • 66 spedizioni alpinistiche
  • 615 vie alpinismo/arrampicata
  • Scalate sulle Alpi:
    63 cime oltre i 4.000 mt
    50 cime oltre i 3.000 mt
    29 cime oltre i 2.000 mt
  • Pumori Nepal 1996
  • Dhaulagiri Nepal 1998
  • Lenin Kirghizistan 1999
  • Huascaran Perù 2000
  • Noigin Kangsank Tibet 2002
  • Everest Nepal 2017
  • Kangchenjunka Nepal 2018
  • Manaslu Nepal 2018
  • Caucaso Spedizioni invernali Russia 2018/2020/2022
  • Annapurna Nepal 2021

MAGGIORI INFO

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button