Trango Tower, team spagnolo tenta la prima libera di Eternal Flame

Edu Marin, Miquel Mas e Marc Subirana sulla sud della Nameless Tower per tentare di ripetere in libera la via aperta nel 1989

Trango Tower: Edu Marin, Miquel Mas e Marc Subirana tenteranno la prima libera integrale di “Eternal Flame”, via aperta da Kurt Albert, Wolfgang Güllich, Christof Stiegler e Milano Sykora nel 1989 sulla sud della Nameless Tower (6.286). Una via di 650 metri e con difficoltà 7b+.

Una via già tentata

Già altri ci hanno provato in passato. Nel 2005 i fratelli Pou, furono costretti a rinunciare a causa del maltepo dopo che però avevano aperto una variante all’ottavo tiro. Trascorsi 4 anni, nel 2009, a tentare furono altri due fratelli, gli Huber (Thomas e Alex). Riuscirono ad agguantare la vetta ma anche loro con alcune varianti, anche se più difficili di Eternal Flame.

L’intento degli spagnoli

I tre spagnoli ora vogliono salire la via originaria del 1989 e nel frattempo conoscere la zona e semmai dare un’occhiata a qualche altra via interessante e con grado ancora più difficile.  Il desiderio di Marin, Mas e Subirana è quello di salire la via originaria del 1989 e già che ci sono iniziare a adocchiare una nuova e ambiziosa linea per il 2022.

Edu Marin “Eternal Flame” è considerato un grande parametro di riferimento. È stato aperto da Wolfgang Güllich, Kurt Albert, Christof Stiegler e Milano Sykora nel 1989. La strada si trova nelle torri del Trango, in particolare nella Nameless Tower, sopra i 6.000 metri di quota.
Il percorso originale non è mai stato scalato in libertà. Iker e Eneko Pou lo hanno provato nel 2005, ma hanno dovuto aprire un’alternativa a campo 8 (top roping it) per scalare la parte più difficile del percorso. Nell’agosto 2009, i fratelli Huber, Thomas e Alex, hanno trovato un altro modo per raggiungere la vetta, aprendo un altro campo alternativo, classificato come 7 c +, e raggiungendo la vetta.
Il nostro obiettivo è quello di scalare liberamente la via come hanno stabilito il team Güllich e Albert. Un piano ambizioso, sopra i 6.000 metri di quota. D’altra parte, vogliamo esplorare le possibilità di aprire un nuovo percorso. Prima vogliamo provare a scalare in libera ‘Eternal Flame’ e poi trovare una linea per la stagione 2022. Questo è l’obiettivo più ambizioso e ciò che mi motiva a viaggiare in Pakistan.
Immaginate di scalare un percorso 8b/8c oltre i 6.000 metri di quota? Sarebbe un traguardo storico per l’alpinismo. Per aprire questo sentiero, bisogna riconoscere prima l’area e salirci lungo un percorso stabilito.

Trango Tower
thomas huber

 

© 2021, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button