Tre camosci ammalati di cheratite, curati e rilasciati in Alta Valle Spluga

camoscioRecuperati e salvati. Il Centro recupero animali selvatici di Ponte in Valtellina (Sondrio) ha recuperato lo scorso mese di settembre tre camosci malati (un maschio di due anni e due femmine di 7 e 9 anni) ed ora una curati e ristabiliti sono stati rimessi in libertà. I tre animali erano affetti da cheratite e congiuntivite bilaterale. Trattasi di una malattia che per i camosci significa cecità progressiva e, quindi, alla morte dovuta a cadute o fame. e o cadute. I camosci ammalati furono segnalati da alcuni cacciatori alle guardie provinciali e da questi condotti al Centro. Appena arrivati qui sono stati sottoposti a cure intensive con antibiotici. Tutto bene quel che finisce bene. I camosci rilasciati (portati in Alta Valle Spluga) sono stati dotati di marca auricolare gialla in modo tale da monitorarli (per poterne avere future segnalazioni).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button