Dhaulagiri: la prima invernale di Kukuczka e Czok

Dhaulagiri 1: la prima ascensione invernale fu realizzata il 21 gennaio 1985 da Jerzy Kukuczka e Andrzej Czok, facenti parte di una spedizione polacca, lungo la via normale.

La prima invernale

La spedizione era guidata da Adam Bilczewski e facevano parte alpinisti di fama, basti pensare a Kukuczka, il quale in quella stagione voleva salire due Ottomila, il Dhaulagiri e subito dopo spostarsi al cb del Cho Oyu.

I polacchi arrivarono al campo base i primi giorni di dicembre, Kukuczka poco dopo. Il mese non fu tanto proficuo per il meteo e per problemi legati all’acclimatazione. Ma già i primi di gennaio il team fece un tentativo di vetta. Tentarono Kukuczka, Andrzej Czok e Janusz Skorek ma giunti a quota Ottomila decisero di fare dietro front perché erano in ritardo sulla tabella di marcia e avrebbero avuti problemi per il rientro. Ritentarono il 20 gennaio. Sempre Kukuczka e Czok. Partirono col maltempo  e si fermarono a circa 7.700 mt per bivaccare. La mattina continuarono a salire. Sino in vetta, dove arrivarono intorno alle 16:00. Era tardi. Rientrarono il più in fretta possibile e si fermarono a bivaccare in una truna. Il gorno dopo continuarono a scendere in sicurezza; al cb, sfiniti e qualche problema di congelamento, arrivarono dopo due giorni.  Missione compiuta.

Kukuczka aveva un altro obiettivo. Dopo poche settimane era in vetta al Cho Oyu.

Dhaulagiri

Il Dhaulagiri (Montagna Bianca) è la settima montagna più alta della Terra con i suoi 8.167 m s.l.m., e la maggiore cima situata interamente in un’unica nazione.

La montagna si trova in Nepal all’interno della catena dell’Himalaya, 35 km a ovest dell’Annapurna, separato da esso dalla valle Kali Gandaki. Il Dhaulagiri fu scoperto nel 1808 e venne ritenuto per circa 30 anni, fino alla scoperta del Kangchenjunga, il monte più alto della Terra.

La prima ascensione fu compiuta il 13 maggio 1960 da una spedizione svizzero/austriaca guidata da Max Eiselin, insieme a Kurt Diemberger, Peter Diener, Ernst Forrer, Albin Schelbert, Nyima Dorji and Nawang Dorji. Fu la prima spedizione himalayana supportata da un aereo, che però si schiantò durante l’avvicinamento. L’aereo, un Pilatus PC-6, fu successivamente abbandonato sulla montagna.

La prima ascensione femminile fu compiuta da Lutgaarde Vivijs il 6 maggio 1982, facente parte di una spedizione belga, lungo la via normale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button