A Silvo Karo il Piolet d’Or alla Carriera 2022

Piolet d’Or 2022 alla Carriera all’alpinista sloveno Silvo Karo. La consegna nel mese di novembre a Briançon, in Francia. In passato il riconoscimento è stato assegnato a Walter Bonatti, Reinhold Messner, Doug Scott, Robert Paragot, Kurt Diemberger, John Roskelley, Chris Bonington, Wojciech Kurtyka, Jeff Lowe, Andrej Štremfelj, Krzysztof Wielicki, Catherine Destivelle e Yasushi Yamanoi.

Le motivazioni

Piolets d’Or Negli anni ’80 gli alpinisti sloveni hanno iniziato a conquistare il mondo. Sarebbero diventati famosi per le loro salite, in gran parte audaci e veloci, effettuate per lo più con uno stile impeccabile su terreni tecnicamente difficili, confidando nella loro superiore abilità e nella loro forza   per spedizioni leggere. Tutti si sono allenati in un territorio fantastico: le Alpi Giulie. A causa delle dimensioni ridotte del Paese (uno Stato in gran parte autonomo anche prima della dissoluzione della Jugoslavia), le montagne presentano una complessa arena di cime calcaree, con enormi pareti non necessariamente di roccia della migliore qualità. Le condizioni invernali erano rigide e davano ampio spazio all’abilità su roccia, ghiaccio e misto.
Silvo Karo è cresciuto in una fattoria sopra il villaggio rurale di Brdo, a nord-est di Lubiana, e ha iniziato ad arrampicare a 17 anni. Ha subito legato con Janez Jeglič e con il più anziano ed esperto Franček Knez; il trio ha continuato a scalare insieme molte nuove vie, sia in patria che all’estero. Divennero affettuosamente noti come The Three Musketeers. Nell’estate del 1983, durante l’allenamento per la prima spedizione in Patagonia, i tre aprirono 19 vie nuove in due giorni, in gran parte senza utilizzo della corda, alcune delle quali in discesa.
I momenti più importanti della carriera di Silvo sono forse le prime ascensioni della parete sud del Cerro Torre e della parete ovest del Bhagirathi III, quest’ultima riconosciuta all’epoca come la più difficile salita tecnica dell’Himalaya indiano. Entrambe sono state salite con Janez Jeglič durante la loro collaborazione decennale, anche se Karo considera Psycho Vertical (Jeglič-Karo-Knez) sulla Torre Egger la migliore via nuova da lui salita in Patagonia.

 

Rolando Garibotti Quando ho conosciuto Silvo era nel pieno delle sue forze: 70 kg di motivazione e determinazione, poche chiacchiere e tanta azione. Negli anni successivi siamo riusciti a condividere le scalate in un buon numero di occasioni, in Yosemite, Patagonia e altrove. Arrampicare con lui era come barare. In un solo uomo c’erano tutte le capacità di cui si può avere bisogno in montagna. Aveva l’energia di un treno e c’era qualcosa di decisamente rassicurante nel modo in cui batteva i chiodi: la roccia chiedeva perdono. A prescindere dalle condizioni, di fronte a un obiettivo a cui teneva, la sua determinazione era incrollabile. Era un uomo onesto, senza fronzoli, per il quale ho sempre avuto un enorme rispetto. Alcune delle sue scalate sono entrate nella leggenda e hanno ispirato gli scalatori di tutto il mondo. Ha lasciato un segno indelebile in questo sport.

Silvo ha scalato oltre 2000 vie e realizzato più di 300 prime ascensioni.

Selezione delle sue imprese fuori della Slovenia

1983
Fitz Roy, parete est, nuova via, Devil’s Dihedral (6a A2 90°)
Aguja Val Bois, parete est, nuova via. D.E. (5 100°)
1985
Yalung Kang, parete nord, nuova via, raggiunti gli 8.100 m.
Grandes Jorasses, parete nord, terza salita di Rolling Stones (6b A3 80°)
1986
Cerro Torre, parete est, nuova via, Hell’s Direct (7a A4 M6 95°)
Broad Peak, via normale
Torre Egger, parete sud-est, via nuova, Psycho Vertical (6c A3 90°)
El Mocho, parete nord, via nuova, Grey Yellow Arrow (7a A0)
1987
Lhotse Shar, cresta sud-est, raggiunti i 7.300m
1987-88
Cerro Torre, parete sud, nuova via (6b A4 75°)
1990
Bhagirathi III, parete ovest, nuova via (6b A4 85°) Everest, cresta ovest fino a 7.500m
1993
El Capitan, Wyoming Sheep Ranch (5.10 A5) 1996
Nalumasortoq, nuova via, Mussel Power (7a A3) El Capitan, Salathé Wall in 10h 25min
Half Dome, parete diretta a nord-ovest, 11h 20min (record di velocità all’epoca)
1997
El Capitan, parete ovest (5.11c) in otto ore da macchina a macchina
1999
Fitz Roy, parete ovest, Ensueno, seconda salita assoluta e prima salita in libera (6b+ obl 45°)
Fitz Roy, Via Slovacca, in stile alpino con nuova variante dal Glaciar Torre (6c 40°)
2000
La Esfinge, nuova via, Cruz del Sur (7b)
2002
Grand Pilier d’Angle, Divine Providence al Monte Bianco
2003
Cerro Murallon, prima salita della vetta principale
2005
Cerro Torre, cresta sud-est, nuova via, Sit Start slovena (in un’unica ascensione di 28 ore; 7a A2 70°)
Aguja Poincenot, Sperone degli Italiani, seconda salita (e prima di questa via fino in vetta, 6c A3).
2006
Torre di Trango, Eternal Flame, prima salita in giornata (7a A2 M5).
2009
Tofana de Rozes, parete sud, Addio 1999 (7b a vista, ripetizione)
Aiguille Noire de Peuterey, Punta Brendal parete sud-est, Nero su Bianco (7b a vista, ripetizione)
Meru Central, tentativo in stile alpino dell’allora inviolata Shark’s Fin.

E ancora…

Durante tutta la sua carriera ha salito molte nuove vie, effettuato prime ascensioni in libera e salite in velocità nelle Alpi Giulie e di Kamnik, comprese vie di montagna come Zaumak Nerva (7c) che all’epoca erano le più difficili del Paese. All’apice della sua carriera, riusciva a salire in falesia l’8a.
Nel 2007 ha fondato il Festival del film di montagna in Slovenia, che punta a incrementare la produzione di film di montagna sloveni e a divulgare la cultura della montagna.
Nel 2010 l’allora Presidente della Slovenia, Danilo Turk, ha conferito a Karo e Knez una delle più alte onorificenze del Paese, l’Ordine al Merito, per “i risultati ottenuti nell’alpinismo sloveno e per il loro contributo alla reputazione dell’alpinismo sloveno e al maggior riconoscimento della Slovenia nel mondo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button