Alex Lowe, l’alpinista che si divertiva di più

L'alpinista americano, ispiratore di una intera generazione, ritenuto da molti tra i più forti scalatori di sempre

Il miglior scalatore del mondo è quello che si diverte di più!

Alex Lowe

Stewart Alexander Lowe (24 dicembre 1958-5 ottobre 1999), alpinista americano, ispiratore di una intera generazione. Così veniva ricordato…

… un’intera generazione di alpinisti ed esploratori con il suo entusiasmo incontenibile, le leggendarie routine di allenamento e le significative salite su roccia, ghiaccio e montagne di tutto il mondo…

La vita

Lowe era ampiamente ammirato dai suoi colleghi per eccellere in ogni aspetto dell’alpinismo, dall’arrampicata su roccia e ghiaccio alle discese con gli sci. Prime vie, vie difficili in tutto il mondo. Nepal, Alpi, Stati Uniti…

Dave Hahn C’è Alex Lowe quassù, e poi c’è il resto di noi quaggiù. Il ragazzo è davvero molto meglio di tutti gli altri.

 

Conrad Anker Siamo tutti a questo livello, e poi c’è Alex.

Lowe ha migliorato la sua forza nella parte superiore del corpo grazie a un regime di esercizi che includeva 400 trazioni e centinaia di flessioni.

Salvataggio su Denali

Nel giugno 1995, Lowe ha aiutato il National Park Service a salvare diversi alpinisti spagnoli sul Denali (6.190 m) in Alaska. Il 9 giugno, il gruppo era rimasto intrappolato per quattro giorni a 5.900 m. Prima che una squadra di soccorso potesse riunirsi, uno degli scalatori è caduto da 1.300 mt fino alla morte dall’Upper West Rib. Gli scalatori sopravvissuti soffrivano tutti di ipotermia. Lowe, Mark Twight e Scott Backes sono stati portati da un elicottero militare su un altopiano sopra gli spagnoli, hanno scalato una pendenza di 400 metri e 50 gradi di ghiaccio e roccia, per raggiungerli. In mezzo alla neve, dapprima lo trascinò, poi lo portò in spalla su per il ripido pendio in quota.

Morte su Shishapangma

Nel settembre 1999, Lowe, Conrad Anker e David Bridges (un due volte campione nazionale di parapendio statunitense) si sono recati sullo Shisha Pangma (8.013 m), la quattordicesima vetta più alta del mondo. Una spedizione sugli sci.

I piani prevedevano che Lowe e Anker facessero parte della squadra che sarebbe scesa con gli sci, per diventare i primi americani a scendere con gli sci dalla vetta di un 8.000 metri; mentre Bridges faceva parte di una squadra cinematografica di tre uomini che doveva girare un documentario.
Il 5 ottobre, si sono divisi in due squadre mentre cercavano un percorso su per la montagna. Il gruppo di Lowe (Lowe, Anker e Bridges) stava attraversando un ghiacciaio piatto quando un grande seracco si staccò e precipitò. La valanga di 150 mt di larghezza ha travolto i tre uomini. Anker riportò ferite alla testa, due costole rotte e una spalla lussata, ma emerse dalla neve e condusse un tentativo di salvataggio di 20 ore nel grande campo di detriti. Nessun corpo fu trovato all’epoca, ma quasi diciassette anni dopo, il 27 aprile 2016, gli alpinisti Ueli Steck e David Göttler, si sono imbattuti nei resti dei due alpinisti che emergevano dal ghiacciaio.

Lowe lasciò sua moglie Jennifer e tre figli, Max, Sam e Isaac. La Alex Lowe Charitable Foundation è stata istituita in suo onore per fornire direzione e sostegno finanziario ai programmi umanitari nelle regioni montane di tutto il mondo.
Jennifer Lowe-Anker ha pubblicato un libro di memorie, Forget Me Not nel 2008, che racconta la sua vita condivisa con Lowe, la sua morte e la vita che ha continuato con Anker.

Risultati e riconoscimenti in arrampicata

Nel 1995, Lowe ha ricevuto l’Underhill Award dell’American Alpine Club per l’eccezionale risultato alpinistico, la più alta onorificenza nell’alpinismo statunitense. Ha scalato per quasi 10 anni con la squadra di arrampicata professionale The North Face.
Dopo la morte di Lowe, Outside Magazine lo dichiarò postumo “il miglior scalatore del mondo”, aggiungendo: “Non importa quanto siano sbalorditive le sue vie, il vero genio di Lowe è nato dal modo in cui combinava i risultati fisici con uno spirito indomito”.

Alex Lowe Peak

Precedentemente noto per la sua elevazione come Peak 10.031, Alex Lowe Peak, a sud di Bozeman, nel Montana, nella foresta nazionale di Gallatin, gli è stato ufficialmente intitolato nel settembre 2005.Nella primavera del 1997, Lowe aveva salito il canale nord con l’amico Hans Saari; e i due avevano fatto la prima discesa con gli sci dalla vetta, giù per quello che chiamavano “Hellmouth Couloir”.

Carriera

  • First Ascents
    • Rakekniven, Queen Maud Land (Antartide), 1997
    • Great Sail Peak, Baffin Island, 1998
  • New Routes
    • Mount Hunter’s Moonflower Buttress, Alaska
    • Kwangde Nup, Nepal, 1989
    • Kusum Kanguru, Nepal, 1990
    • Northwest Chimney, Grand Teton, Wyoming, 1991
    • Peak 4810, Ak-Su region, Kyrgyzstan, 1995
    • Great Trango Tower, Pakistan, 1999, NW face, nuova via
  • Altre salite
    • Cervino (Alpi)
    • K2, 1986
    • Mount Everest, South Col Route, Nepal, 1990 e 1993 (tentativo per Kangshung Face nel 1994)
    • Gasherbrum IV, Pakistan, 1992 (tentativo)
    • Khan Tengri, Kyrgyzstan 1993, in solitaria in 10 ore e 8 minuti
    • Aconcagua, Argentina, 1993 e 1994
    • Annapurna IV, Nepal, 1996 (tentativo)
    • Mount Rundle, Canadian Rockies, 1996, “Troubled Dreams”, prima salita libera di una delle pià difficili pareti di Canadian Rockies.

Skiing

  • First Descents
    • Hellmouth Couloir, Alex Lowe Peak (formerly Peak 10,031), Montana, 1997
    • Northwest Couloir, Middle Teton, Wyoming, 1992
    • Enclosure Couloir, Grand Teton, Wyoming, 1994

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button