Buon compleanno Capanna Margherita!

Demolita quella del 1893, l'attuale Capanna posta a 4.554 mt sul Monte Rosa fu inaugurata il 30 agosto 1980

Capanna Regina Margherita: il primo rifugio che sorge sulla vetta della punta Gnifetti nel gruppo del Monte Rosa, a quota 4554 mt risale al 1893, ma quella attuale è più recente e fu inaugurata il 30 agosto 1980.

Parliamo del più alto rifugio alpino d’Europa e uno dei più alti osservatori fissi al mondo. Fu, sul versante italiano delle Alpi, la prima capanna aperta in vetta, seguita nel 1895 dalla Capanna Grigna Vetta.

Storia

La realizzazione del rifugio fu decisa dall’assemblea dei soci del Club Alpino Italiano di Torino del 14 luglio 1889. La capanna, predisposta a valle, fu trasportata dapprima con i muli e poi a spalla e infine montata in vetta.

Inaugurazione e costi

La capanna fu inaugurata il 18 agosto 1893 con la presenza della regina Margherita di Savoia. La costruzione era costata 17.094 lire e 55 centesimi e la tassa d’ingresso del giorno dell’inaugurazione fu fissata in una lira, versata anche dal direttore dei lavori.

Il laboratorio

Il rifugio-laboratorio fu di grande importanza per le ricerche di Angelo Mosso sulla medicina d’alta quota agli inizi del XX secolo. Visti gli spazi esigui presenti alla capanna Margherita, venne costruito ed inaugurato il 27 agosto 1907 l’Istituto Mosso, situato poco sotto il passo dei Salati, a 2900 metri di altitudine, edificio tuttora esistente.

 

leggi anche Il Ghiacciaio della Marmolada sta morendo: -85% di volume

 

La nuova Capanna

Demolita la capanna originale nel 1979, venne costruito a Failungo Superiore in Valsesia, il nuovo rifugio-laboratorio, inaugurato il 30 agosto 1980. Attualmente la struttura ospita 70 posti letto ed è affollata soprattutto nei mesi estivi di luglio e agosto.

La piccola biblioteca, la più alta d’Europa

Nella capanna è inoltre attiva, a cura della Commissione “Italo Grassi” della sezione C.A.I. di Varallo Sesia, una piccola biblioteca a disposizione degli alpinisti, che si può considerare la biblioteca più alta d’Europa. Inaugurata il 6 agosto 2004 con circa 160 volumi ricevuti in dono da alcune case editrici, più altre riviste e pubblicazioni, contava nel 2010 circa 350 volumi.

Stazione meteo

Dal 2000 il rifugio è sede della più alta stazione meteorologica d’Europa. La progettazione e realizzazione è stata commissionata dalla Regione Piemonte ad una società di monitoraggio ambientale. I sensori della stazione registrano i valori di temperatura, radiazione solare e velocità del vento, utili all’elaborazione delle previsioni del tempo e a fini climatici. La stazione è tuttora attiva e funzionante.

Wi-Fi a 4500 metri

Dal 2007 il rifugio è dotato di collegamento a Internet Wi-Fi progettato e realizzato dal laboratorio iXem del Politecnico di Torino. La capanna è di proprietà del CAI – Sede centrale che l’ha ceduta in concessione fiduciaria alla sezione di Varallo Sesia.

Accesso

La tradizionale via d’accesso parte da Alagna Valsesia itinerario lungo il quale si svolse anche la prima salita alla cima da parte del parroco del paese, Giovanni Gnifetti (1842). È però possibile raggiungere la capanna Regina Margherita seguendo diversi itinerari (tutti di stampo alpinistico): partendo dalla capanna Giovanni Gnifetti oppure dal vicino rifugio città di Mantova (via normale), partendo dal rifugio svizzero Monte Rosa Hütte, oppure dalla capanna Resegotti, in questo caso seguendo la difficile cresta Signal.

  • dalla Capanna G. Gnifetti attraverso i ghiacciai del Lys in circa 4/5 ore di cammino interamente su ghiacciaio.
  • dalla Monte Rosa Hutte attraverso il ghiacciaio del Grenz in circa 5 ore di cammino interamente su ghiacciaio.
  • dal Bivacco L. Resegotti per la cresta SE (Cresta Signal) con un itinerario alpinistico di notevole difficoltà.

Il Rifugio

Ha una capacità di 70 posti letto distribuiti in camere con letti a castello ed è dotata di sala bar ristorante, bagni in comune, illuminazione elettrica, corrente 220v, accesso internet, biblioteca.

 

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button