David Göttler: “L’onestà è un valore fondamentale nell’alpinismo”

La riflessione dell'alpinista tedesco dopo aver raggiunto il suo 6° Ottomila, l'Everest

David Göttler lo scorso il 21 maggio è salito sul suo 6° Ottomila. L’Everest. Lo ha fatto a modo suo, senza ossigeno supplementare e senza supporto sherpa. Racconta che ha utilizzato le corde fisse, le scale sulla cascata di ghiaccio, ha mangiato qualche dolcetto offerti da un altro alpinista, ha usufruito di una piazzola di una tenda abbandonata a C3. Insomma: massima trasparenza.
Göttler ci è riuscito al terzo tentativo, dopo quelli del 2019 e del 2021. Per lui, come detto, è il sesto 8000 senza ossigeno supplementare, dopo Gasherbrum II, Broad Peak, Dhaulagiri, Lhotse e Makalu.

A distanza di qualche giorno l’alpinista tedesco ha fatto alcune riflessioni sull’alpinismo odierno, tramite i suoi profili social.

Ve le riportiamo integralmente.

David Göttler L’onestà è stato un valore fondamentale nell’alpinismo sin dal suo inizio, ma sta rapidamente diventando quello che viene più trascurato. Quelli di noi che scalano le montagne, in particolare questi giganti himalayani, sanno esattamente cosa rende le cose più facili e quali piccoli dettagli sfumati fanno un’enorme differenza per difficoltà, fatica, possibilità di successo e persino sopravvivenza.
Voglio essere trasparente su come ho fatto le cose durante la mia scalata, quindi lo spiego qui.
Ho usato le corde fisse. Grazie a @sevensummittreks e @kamiritasherpa e al loro team di riparazione per l’ottimo lavoro. Queste corde fisse non solo garantiscono che non perderai la strada se arrivano le nuvole, ma rendono la discesa molto più sicura quando sei sfinito e stai lottando per andare avanti.
Ho usato le scale e le corde fisse attraverso la cascata di ghiaccio. Grazie a SPCC e ai medici delle cascate di ghiaccio per questo fantastico lavoro. È sbalorditivo.
Durante la mia spinta in vetta, nel campo 3 ho usato la piazzola di una tenda abbandonata. Avevo creato la mia piazzola durante la mia rotazione di acclimatamento, ma sembra sciocco usarla quando proprio accanto c’era una grande piazzola deluxe vuota. Nei campi 2 e 4 ho creato le mie piazzole ogni volta.
Infine, al campo 4 ho incontrato l’alpinista Robert Kelso Smith e lui mi ha dato una manciata di orsetto gommosi Haribo. A parte questo, ho raccolto tutta la mia neve e ghiaccio e l’ho sciolto per fare acqua da bere e ho portato il mio cibo.
Non voglio sembrare pedante, ma al giorno d’oggi in cui raggiungere una cima di 8000m potrebbe significare qualsiasi cosa, dall’usare 8l/min di ossigeno dal campo 2 e “assistenza aeronautica” all’andare da solo con nient’altro che ciò che puoi portare, io vorrei incoraggiare la nostra comunità ad abbracciare l’onestà e la trasparenza.
Non fraintendetemi: non si tratta di giudicare lo stile o l’etica. Ognuno è libero di scegliere di arrampicare come desidera e dovrebbe essere orgoglioso di ciò che realizza. Si tratta di essere onesti e di presentare apertamente le scelte che hai fatto.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button