È Pierluigi Donadon l’alpinista morto sulla Creta di Pricotic

Pierluigi Donadon è stato colpito da un masso sulla parete sud

È Pierluigi Donadon, 65 anni, alpinista di Conegliano (TV), membro del gruppo Ana la vittima dell’incidente lungo la via Lomasti sulla parete Sud della Creta di Pricotic (gruppo del Monte Cavallo, Creta di Aip – Alpi Carniche Orientali). Donadon è stato colpito da un sasso.

Nel 2005, Donadon è stato membro della spedizione italiana salita fino a 5.000 metri, all’ultimo campo base del K2 in occasione del cinquantesimo anniversario della storica impresa di Compagnoni-Lacedelli.

Ana di Conegliano Donadon era stato dipendente dell’Electrolux Zanussi oltre che un artigliere alpino ed infatti era socio del CAI e dell’ANA di Conegliano.
Con la quale negli anni si era anche dedicato alle marce di regolarità e alle note Alpiniadi invernali. In cui era specializzato nello sci alpinismo. A
veva alle spalle numerose arrampicate su roccia e diverse spedizioni extraeuropee tra cui la Bolivia ed il K2 in Tibet.

Donadon arrampicava su una via di roccia quando, durante una sosta, è stato colpito da un sasso alla testa.

L’allarme captato dagli Usa

In quel punto non c’è segnale telefonico ma il componente di un’altra cordata che arrampicava nelle vicinanze ha attivato l’allarme tramite un trasmettitore. Il segnale captato negli Stati Uniti e poi girato alla Protezione civile nazionale che ha allertato i soccorsi.

leggi anche Creta di Pricotic, colpito da masso alla testa: morto alpinista

Creta di Pricotic: i soccorsi

Quando i sanitari hanno raggiunto l’alpinista, per lui non c’era più nulla da fare. Il magistrato ha dato successivamente il nulla osta per la rimozione della salma, che è stata trasportata con l’elicottero fino a Baita Winkel, non lontano dalla strada del passo Pramollo.

Il 65enne lascia la compagna Isabella Gianelloni.

fonte/foto: ana conegliano

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button