Everest, quest’anno previsto traffico intenso

Il Governo nepalese ha deciso di estendere i permessi di salata agli alpinisti che lo scorso anno hanno dovuto abbandonare le loro impresa a causa del terremoto del 25 aprile. Nel 2015 nessuno in vetta

everest

 

Si torna sull’Everest. E quest’anno, a quanto pare, ci sarà ancora più traffico in alta quota. Il Governo nepalese, infatti, ha deciso di estendere i permessi di scalata agli alpinisti che l’anno scorso hanno dovuto abbandonare le loro imprese a causa delle valanghe causate dal terremoto del 25 Aprile.

A dare la notizia sono i giornali nepalesi. I numeri? Beh, oltre 800 alpinisti, di 103 team internazionali avevano ottenuto le costose autorizzazioni. Tra questi, ve ne erano 357 che riguardavano l’Everest. La decisione sarà sottoposta al consiglio dei ministri. I nuovi permessi saranno così validi per due anni. Una spedizione ha presentato già domanda alle autorità: si tratta della Nepal Mountaineering Association.

Non c’è pace per l’Everest. Ricordiamo che il 18 aprile 2014 una slavina travolse un gruppo di “sherpa”, che stavano sistemando delle vie di salita, uccidendo 16 persone.

Lo scorso anno, causa terremoto, nessuno è arrivato in vetta al Tetto della Terra. Il sisma di magnitudo 7,8 ha distrutto Katmandu e molti villaggi rurali della zona, uccidendo più di ottomila persone e lasciandone ferite altre 21 mila.

Sempre dal Nepal arriva la notizia che gli sherpa si stanno iniziando a muovere per attrezzare il ghiacciaio del Khumbu con corde e scale…

 

© 2016, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button