Futuro nei soccorsi in montagna? In Inghilterra si sperimenta nuovo jetpack

In un video tutte le potenzialità della nuova tecnologia

I soccorsi in montagna nel futuro? In Inghilterra stanno testando una rivoluzione in materia. Un uomo con una tuta speciale e con due “cannoni” ad aria per sorvolare gli ostacoli e raggiungere in pochissimo tempo la persona da soccorrere.

È la sperimentazione partita in Inghilterra, grazie all’azienda “Gravity Industries”, che ha ha messo a punto un vero e proprio jetpack. Il tutto a disposizione del Great North Air Ambulance Service (GNAAS) un ente di beneficenza che fornisce copertura in ambulanza aerea in tutto il nord-est dell’Inghilterra.

Il video

In un video le potenzialità della nuova tecnologia. Il fondatore/capo della Gravity Industries, Richard Browning, pilota il jetpack e in soli 90 secondi, aggirando laghi e costoni, riesce a percorrere una distanza che a piedi avrebbe richiesto almeno 25 minuti. A quanto pare può raggiungere anche notevoli altitudini.

A “bordo”

ha una potenza

di 1050 cavalli

 

Browning è arrivato dal fondo della valle di Langdale, fino a Bowfell, nel parco nazionale del “Lake District”, dove è stato simulato un intervento di pronto soccorso.

Rivoluzione nei soccorsi in montagna?

Come si evince, potrebbe essere in grado di salvare persone disperse o isolate in luoghi impervi grazie alla possibilità di giungere in tali luoghi in pochissimo tempo.

 

 

Andy Mawson, direttore delle operazioni e paramedico al GNAAS

In un periodo come questo che stiamo vivendo a causa dell’emergenza Covid, è importante spingersi oltre i confini. Il nostro velivolo sarà parte vitale della risposta alle emergenze su questo territorio, in sinergia con le fantastiche squadre di soccorso alpino. Ma si tratta di cercare di integrare quelle risorse con qualcosa di completamente nuovo. Riteniamo che questa tecnologia potrebbe consentire al nostro team di raggiungere alcuni pazienti molto più rapidamente che mai. In molti casi questo allevierebbe la sofferenza del paziente. In alcuni casi, salverebbe le loro vite.

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button