Inverno sull’Appennino… chi l’ha visto!

Un inverno mai entrato nel vivo con deficit pluviometrico e nivometrico ovunque e domniato dall'anticlone africano con sole rapide incursioni artiche

Un inverno da ricordare. Un inverno mai entrato nel vivo sull’Appennino abruzzese con deficit pluviometrico e nivometrico praticamente a tutte le quote.

Una stagione caratterizzata dal dominio, a fase alterne, dell’anticiclone africano con solo rapide incursione artiche che non hanno mai apportato grandi accumuli di neve.

Le poche eccezioni

Fatta eccezione per le aree dei grandi comprensori sciistici come l’Aremogna, Monte Magnolia e Campo Imperatore il resto delle montagne abruzzesi hanno un innevamento che ricorda molto quello di fine aprile-inizio maggio. Anche le temperature quest’anno, tranne rari casi da inversione termica, non hanno registrato dati degni di nota se non in termini di quasi costante sopra media.

Temperature anomale

Nei gironi scorsi le temperature massime hanno raggiunto i 14 grandi sui grandi altipiani interni come Cinquemiglia o quello delle Rocche e in quota i termometri sono schizzati in alto ancora una volta durante questa stagione estremamente anomala.
Notevoli, secondo i dati dell’Associazione Meteorologica Aquilana “AQ Caput Frigoris”, i 9 gradi a Campo Imperatore (2132 m), gli 8 gradi di Monte Genzana (1980 m) e i 13,7 grandi registrati a Passo Godi (1560 m). Non va meglio sul Gran Sasso d’Italia dove al rifugio Franchetti, a 2433 metri a ridosso del Corno Grande, la colonnina in mattinata ha raggiunto i 6 gradi.

fonte

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button