Jost Kobusch inizia a salire sull’Everest

Entrano nel vivo anche le invernali su Manaslu, Nanga Parbat...

L’nizio dell’invenro, il 21 dicembre, è ormai alle spalle e gl ialpinisti sugli Ottomila sis stanno dando subito da fare. Chi ha inziiato a lavorare sulla montagna, chi sta allestendo il campo base…

Jost Kobusch sull’Everest

Jost Kobusch ha iniziato a salire sull’Everest, sulla cresta ovest. Il track lo dà a oltre 5.600 metri di quota. Il campo base, una sola tenda, lo ha allestito nella parte superiore del ghiacciaio del Khumbu.

Per il tedesco è la seconda spedizione sull’Everest, nel 2020 aveva raggiunto i 7.300 metri. Obiettivo di questo inverno è di toccare quota 8000. Ossia, il punto più alto mai raggiunto in inverno sulla cresta ovest dell’Everest. Ovviamente senza ossigeno, e come sappiamo, in solitaria.

Non resterà sempre al cb sull’Everest. Scenderà a Lobuche. Lì ha il suo cuoco e lì recupererà forze durante le rotazioni, oppure in caso di maltempo.

LEGGI ANCHE Jost Kobusch e l’invernale sull’Everest: “Stavolta sarà molto diverso”

Manaslu

Al Manaslu due spedizioni. La prima di Alex Txikon e Simone Moro, la seconda con Oswald Rodrigo Pereira, Sophie Lenaerts e Stef Maginelle.
Moro, giunto in Nepal ad inzio dicembre, è già acclimatato (è salito sul il Lobuche Peak e l’Ama Dablam). A breve arriverà al campo base. Il compagno di avventura, Txikon, è arrivato al cb da qualche giorno e subito inizierà la sua fase di acclimatazione.
Per quanto riguarda l’altra cordata, il polacco Oswald Rodrigo Pereira è solo, le due compagne gungeranno ad inizio anno nuovo.

Al Nanga Parbat

La spedizione sorpresa di questi ultimi giorni. Hervé Barmasse, David Gottler e Mike Arnold sono in viaggio per raggiungere il campo base della parete Rupal.

LEGGI ANCHE Barmasse, Gottler e Arnold: invernale sulla Rupal del Nanga Parbat

Cho Oyu

Gelje Sherpa ha annunciato qualche settimana fa il suo intento di aprire una nuova via “commerciale” per il Cho Oyu ed evitare così la chiusura della Cina alla montagna e tutti i problemi burocratici che negli ultimi anni molti alpinisti hanno avuto a che fare per la salita a questo Ottomila. Il nepalese ha al momento una squadra formata da cinque alpinisti. È ancora in cerca di finanziamenti per partire.

LEGGI ANCHE Gelje Sherpa parte per aprire una via nepalese sul Cho Oyu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button