Published On: Mer, Nov 6th, 2019

Le montagne incantate, dai Sibillini al Parco nazionale d’Abruzzo

sms_solidale_944

“Con questo settimo volume, il nostro viaggio lungo il Sentiero Italia CAI si addentra nel cuore dell’Appennino e copre il tratto che va dai Monti Sibillini al Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Sfogliandolo, camminerete conEnrico Brizzi dal Tirreno all’Adriatico, incontrerete il lupo nel racconto diGiuseppe Festa, assisterete all’inaugurazione della Casa della Montagna di Amatrice, l’edificio con il quale il Club Alpino Italianotestimonia la sua forte volontà di un ritorno in quei luoghi feriti e meravigliosi”.

Queste le parole riportate sulla aletta della copertina della settima uscita della collana “Le montagne incantate. In cammino alla scoperta del Sentiero Italia CAI”, edita dalla rivista National Geographic e dal Club alpino italiano.
“Dai Sibillini al Parco Nazionale d’Abruzzo” è acquistabile in edicola a € 12,90 in più con National Geographic.

Continua la presentazione: “e poi conoscerete l’ultimo pastore che pratica la monticazione, una transumanza verticale che comporta lo spostamento del gregge dai 400 ai 2.800 metri, ascolterete le storie di resistenza di agricoltori che sfidano fatiche e calamità, e le strategie contro l’abbandono di un economista innamorato di queste terre rugose, Fabrizio Barca. Ma di questo Appennino conoscerete anche l’aspetto avventuroso, perdendovi nelle nevi immacolate dei Monti della Laga, restando a bocca aperta di fronte ai colori del Parco d’Abruzzo o affrontando la temibile parete nord del Monte Camicia… E molto altro, in un viaggio speciale dentro a un mondo speciale”.

Per quanto riguarda il Sentiero Italia CAI, sono presentate le 18 tappe umbro-marchigiane, le 17 abruzzesi e le 20 laziali.

da Lo Scarpone

© 2019, all rights reserved.

Per segnalare refusi, imprecisioni e correzioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*