L’orso M49 si è liberato del radiocollare

Continua la fuga di Papillon. Il radiocollare trovato a terra

L’orso M49 continua a sbalordire. Nelle scorse ore Papillon, fuggito per la seconda volta dal Centro Casteller di Trento, dove era rinchiuso, si è liberato del radiocollare. Tramite il quale il personale della Provincia lo teneva sotto stretta osservazione e stava tentando di catturarlo nuovamente.

Dalla Provincia di Trento

Fin dalla sua fuga dal recinto del Casteller, è sempre stato monitorato attraverso il collare, dotato di sistema di geolocalizzazione. A partire dal 16 agosto l’orso si era spostato in zona Passo 5 croci – Val Cion, dove le trasmissioni gsm del collare risentono pesantemente della scarsa copertura telefonica. Il 19 agosto, alle ore 14, il collare ha inviato parecchie posizioni, anche del giorno precedente, confermando la posizione a monte di Malga Val Ciotto.
In assenza di ulteriori comunicazioni, nella mattinata odierna è stata effettuata una verifica tramite radio vhf: il collare emetteva segnale di mortalità e quindi è stata eseguita una ricerca sul posto fino al rinvenimento dello stesso, integro, a terra. Il monitoraggio proseguirà basandosi esclusivamente sull’analisi degli indici di presenza.

 

leggi anche Orso M-49 Papillon è scappato di nuovo

 

orso m49 papillon

Continua la fuga dell’orso più ricercato del Trentino. Nei giorni scorsi avrebbe fatto visite ad alcune malghe…

Orso M49, le fughe

M49 la seconda volta non ha scavalcato ma ha divelto la rete di ferro della “gabbia” in cui era rinchiuso dall’aprile scorso.

La fuga l’anno scorso era avvenuta il 15 luglio. M49 aveva scavalcato i recinti elettrificati ed era scappato tra i boschi della Marzola. Da allora circa un anno di inseguimenti, con apparizioni di Papillon tra Trentino, Alto Adige e anche Veneto. Una corsa lunga per tornare a casa. E c’era riuscito e proprio questo aveva tradito il plantigrado. Era il 28 aprile quando è stato catturato di nuovo. E portato nuovamente al Casteller. Centro potenziato per evitare una nuova fuga e animale sterilizzato e, a quanto pare, anche “calmato” con integratori naturali.

 

leggi anche Diamo la libertà (vigilata) all’orso M49 Papillon

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

4 Commenti

  1. Per favore lasciatelo libero! Sorvegliato a distanza, ma libero! Già noi umani siamo prigionieri del virus. Che viva la sua vita come la natura l ha data. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button