Marek Holeček, un uomo di stile

Il ceco, Piolet d'Or, è uno degli alpinisti più affermati e forti sul panorama internazionale. La sua filosofia: non solo vetta, ma difficoltà e stile

Marek Mára Holeček (nato il 5 novembre 1974 a Praga) è uno degli scalatori più affermati ed esperti di oggi. È stato il primo ceco della storia a ricevere il Piolet d’Or per la sua prima salita in stile alpino lungo la parete sud-ovest dell’undicesima montagna più alta del mondo, il Gasherbrum I.

Ha vinto numerosi altri premi.

Filosofia

Marek Holeček è sempre stato attratto dalla scoperta di nuove vie sulle montagne più alte del mondo. Arrampica da quando aveva cinque anni e, secondo le sue parole, cerca di scalare tutto ciò che è cresciuto da un’altezza di un metro sul livello del mare fino ai giganti dell’Himalaya.
Rifiuta l’idea di vecchia data che l’apice di tutti gli sforzi di arrampicata è quello di raggiungere la più alta quota possibile. Per lui altrettanto importanti sono la difficoltà della salita e lo stile adottato.

Premi

  • Premio Piolet d’Or 2020 per la prima salita in stile alpino sul Chamlang, 7319 mt, Nepal, co-scalatore: Zdeněk Hák
  • Premio principale Piolet d’Or 2018 per la prima salita in stile alpino al Gasherbrum I., 8080 mt, Pakistan Karakoram, co-arrampicatore: Zdeněk Hák
  • 2018 – Salita dell’anno della Czech Mountaineering Association nella categoria Velehory oltre i 6000 mt per la prima salita all’ottomila Gasherbrum I. Stile alpino, co-arrampicatore: Zdeněk Hák
  • Nominato per Piolet d’Or 2014 per la prima salita al Talung (7348 mt), Nepal, co-scalatore: Zdeněk Hrubý
  • Menzione d’onore Golden Piton Awards 2006 per la prima salita al Meru Central (6310 mt), India, co-scalatore: Jan Kreisinger
  • Associazione alpinistica ceca: menzione d’onore – 1997, 1999, 2001, 2012, 2014, 2018, 2019
  • Associazione alpinistica ceca: salita dell’anno – 2000, 2002, 2003, 2006, 2008, 2013, 2017, 2018, 2019

Ascensioni

  • 1997 – Alpi francesi, Grandes Jorasses, parete S – ripetizione Manitua 7+, A3, 70° (Svetičič 1991),
  • 1997 – India, Gahrval, Monte Meru 6 310 mt, parete S, tentata la prima salita con Filip Šilhan
  • 1998 – Alpi francesi, Grandes Jorasses, parete S – ripetizione della via McyIntyre-Colton, salita invernale, co-arrampicatore Tomáš Rinn
  • 1999 – Pakistan, Karakoram, Amin Brakk 5850 mt, prima salita di Czech Express 7b+, A3+, salita in stile alpino in 9 giorni, compagni David Šťastný e Filip Šilhan, premio Menzione d’onore ČHS
  • 2000 – Patagonia, Cerro Central, 2800 mt, nuova variante della via Macaroni Poritge Junction, 7a, A3+, stile alpino in 8 giorni, co-scalatori David Šťastný e Filip Šilhan, premio Output of the Year ČHS
  • 2001 – Patagonia, Escudo, 2600 mt, prima ripetizione della via The Dream, 7a, A3+, stile alpino in 8 giorni, compagni David Šťastný e Filip Šilhan, premio Uscita dell’anno ČHS
  • 2002 – Kirghizistan, Pamiro-Alaj, Pik 4810, prima salita dei “Sogni bagnati”, 7b + / 7c +, stile alpino in 8 giorni, co-scalatori Václav Šatava e Pavel Jonák, premio Output dell’anno ČHS
  • 2003 – Kirghizistan, Pamiro-Alaj, ottobre, prima salita di Ochtokurova poběda, 7b, A4, stile alpino in 5 giorni, co-scalatori David Šťasný e Otakar Vašek, premio Output of the Year ČHS
  • 2005 – Nepal, Himalaya centrale, Kyashar 6769 mt, prima salita di Ramro China, M6+, WI 6, stile alpino in 5 giorni alla sella V, co-arrampicatore Jan Doudlebský [7]
  • 2006 – India, Gahrval Himalaya, Mt. Meru, 6310 mt, prima salita di una nova via, 7a, M5, 80°, stile alpino in 13 giorni, co-scalatore Jan Kreisinger, premio CHS Outcome of the Year ]
  • 2008 – Pakistan, Karakoram, Kapura Peak 6200 mt, prima salita Wild Wings WI 5+, M7, 70°, salita in stile alpino in 3 giorni, co-arrampicatore Jan Doudlebský come parte della spedizione Devold Triple North Walls
  • 2008 – Afghanistan, Hindu Kush, Kohe Uparisina 6260 mt, prima salita Sweet 65 WI 5, 70°, salita in stile alpino in 4 giorni, co-arrampicatore Jan Doudlebský nell’ambito della Spedizione Devold Triple North Walls
  • 2009 – Pakistan, Karakoram, Gasherbrum I 8068 mt, dopo un tentativo fallito di salita prima la via SW attraverso la parete, fallito per problemi di salute del compagno Zdeněk Hrubý, una solitaria di sulla via dei Giapponesi in 4 giorni.
  • 2011 – Pakistan, Himalaya, Nanga Parbat 8125 mt, tentativo di prima salita in solitaria attraverso il la parete Rupal si è concluso a causa di una grande quantità di neve a quota 7100 m.
  • 2012 – Pakistan, Himalaya, Nanga Parbat 8125 mt, salita alla cima della via Kinshofer nella parete Diamir come parte dell’acclimatazione alla prima salita attraverso la parete Rupal.
  • 2013 – Nepal, Talung 7349 mt, prima salita in stile alpino in 7 giorni, pilastro NW 2100m. Nome della strada “Thumba Party”, uscita di difficoltà M6 +, WI6. Il co-scalatore Zdeněk Hrubý.
  • 2014 – Antartide, Monte Samila 1.500 mt, prima salita in stile alpino in 1 giorno, parete sud 1700 m. I co-scalatori Vladimír Nosek e Vladimír Jošt.
  • 2017 – Pakistan, Gašerbrum I 8080 mt, prima salita in stile alpino in 8 giorni, parete SW 3000m, nome via “Satisfaction!” (dedicato a Zdeněk Hrubý), difficoltà di ED + uscita (M7, WI5 +). Co-scalatore Zdeněk Hák.
  • 2018 – Antartide, Monte Pižďuch 1200 mt, prima salita in stile alpino in 2 giorni, parete SW 850 m. Il co-scalatore Miroslav Dub.
  • 2018 – Nepal, Kyazo Ri 6186 mt. Il co-scalatore Zdeněk Hák.
  • 2019 – Nepal, Chamlang 7319 mt, prima salita parete NW 2200 m, nome via “UFO Line”. Salita in stile alpino in 8 giorni. Il co-scalatore Zdeněk Hák.
  • 2019 – Perù, Huandoy Norte 6360 mt, prima salita parete NW 1200 m, nome via “Boys 1970”. Salita in stile alpino in 2 giorni, difficoltà ED+ (M6, WI6). Il co-scalatore Radoslav Groh.
  • 2021 – Nepal, Baruntse 7162 mt, prima salita in stile alpino. Il co-scalatore Radoslav Groh.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button