Missione al via sul K2: trovare i corpi di Sapdara, Snorri e Mohr

Spedizione formata da Sajid Sapdara, Elia Saykali (videomaker), altri alpinisti e guide pakistane e in più anche lo spagnolo Carlos Garranzo e Oswald Rodrigo Pereira

Era il 10 giugno scorso quando scivevamo che Sajid Sapdara stava organizzando la spedizione di recupero del padre e di Juan Pablo Mohr e John Snorri scomparsi sul K2 lo scorso inverno.

LEGGI ANCHE Sajid Sapdara al K2 per cercare i corpi del padre, di Snorri e Mohr

Oggi arrivano notizie più dettagliate della spedizione di recupero.

Il figlio di Ali Sapdara lo disse subito dopo la tragedia che non si sarebbe arreso e che appena possibile avrebbe organizzato una spedizione per il recupero dei corpi dei tre alpinisti.

Sajid Sapdara Ho vissuto una delle esperienze più impegnative e traumatiche della vita. Non voglio ricordare il tempo della disperazione e della paura. Sto curando me stesso e cerco di guarire anche tutta la famiglia. Le montagne sono dolorose, così come ogni cosa bella. Sto recuperando la mia forza e la mia razionalità con il passare del tempo. E ho deciso di guidare la ricerca e il recupero di mio padre Ali Sadpara, John Snorri e JP Mohr. Aspetterò il momento più adatto per iniziare l’operazione SAR con tutti i mezzi possibili. Io e la mia famiglia non lasceremo nulla di intentato per recuperarli e dare i giusti rituali come da fede di tutti.
Dato che la maggior parte delle causalità su K2 è dovuta a corde. Ho anche deciso di iniziare un progetto Clean K2 da C4 fino a ABC che pulisce tutte le vecchie corde e rifiuti nei campi più alti. Penso che possiamo aiutare madre natura e futuri scalatori in questo modo. Che Allah sia con noi.

Con Sajiid Sapdara ci sarà Elia Saikaly, era al K2 lo scorso inverno come videomaker della spedizione di Snorri e Sadpara. Anche lui partecipò alle operazioni di ricerca.

Elia Saikaly Sono in Pakistan e diretto a K2 con Sajid Sadpara per cercare suo padre, Ali Sadpara e il nostro caro amico John Snorri.
La verità è che non potevo fare niente. Questi sono i nostri amici. Questi erano i nostri compagni di squadra. Stavamo girando un film sulla loro ascesa invernale. Avremmo dovuto essere con loro la notte in cui sono spariti con JP Mohr e siamo probabilmente vivi perché il destino è intervenuto per problemi con l’ossigeno e ci ha costretti a scendere appena sotto il campo 3. Ali, JP Mohr e John non sono più tornati. Sajid è sopravvissuto.
Mentre scalavo l’Everest questa primavera, ho cercato ossessivamente sostegno per finire il nostro film e onorare i nostri amici, eppure alla fine, non siamo riusciti a ottenere un sostegno finanziario, come ha fatto Sajid. Non disposto a mollare, nelle ultime due settimane, la nostra piccola unità ha fatto un miracolo e oggi Sajid ha lanciato il progetto sulla stampa pakistana.
Ho capovolto tutto il mio mondo e le mie finanze al contrario, ma non mi interessa. Pulirò il casino quando torno a casa. È incredibile quello che poche persone riescono a fare insieme con così poco.
Questa è la nostra ricerca per trovare risposte. Si tratta di onore, lealtà e amicizia. Questo è per Sajid. Questo per Ali. Questo è per John. E questo è per il Pakistan.

Con Sajid ed Elia ci saranno anche Fazal Ali, Mosin, Aziz, lo staff di cucina presente alla salita invernale e la guida Pasang Kaji Sherpa.

Altri alpinisti sono al K2, come scrivevamo 10 giorni fa, per cercare i corpi dei tre alpinisti scomparsi. C’è anche Carlos Garranzo.

 

LEGGI ANCHE Carlos Garranzo al K2: “Targa ricordo a Sergi Mingote al Gilkey Memorial”

E c’è anche Oswald Rodrigo Pereira. Alcuni giorni fa scriveva questo, ora è già atterrato in Pakistan e ha già incontrato anche Sajid Sapdara.

Oswald Rodrigo Pereira Difficile dire quanto lavoro ho fatto per tornare al K2. Chiusi confini, voli cancellati, ulteriori cambiamenti, tra cui l’allenamento e ora sto salendo su un aereo e torno dove ero l’inverno scorso in un posto dove ho ancora una storia da raccontare.

Oswald Rodrigo Pereira

 

La tragedia

L’islandese John Snorri, il pakistano Muhammad Ali Sadpara e il cileno Juan Pablo Mohr hanno perso la vita durante il loro tentativo di vetta al K2 lo scorso inverno. Dopo il successo del team nepalese. Sajid Sapdara era con loro. Poi fu costretto a tornare indietro per il malfunzionamento dell’erogatore dell’ossigeno. La tragedia, probabilmente, in discesa dopo aver raggiunto la vetta, come disse Sajid Sapdara.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button