“Necessario un sottosegretario alla Montagna”

La richiesta dell'Uncem al Governo: "Segua sindaci, imprese, comunità dei territori". Settore dello sci al collasso

Abbiamo la necessità di avere nel Governo un ‘Sottosegretario alla Montagna’, che segua Sindaci, imprese, comunità dei territori. Un Sottosegretario per il 54% dell’Italia. Ci sia questo spazio nel Governo. Le ‘questioni territoriali’ sono decisive e lo ha capito ancor di più il Paese intero in queste ore.

È quanto dice Marco Bussone, presidente di Uncem, l’unione nazionale dei Comuni e delle Comunità montane.
La goccia che ha fatto taboccare il vaso è stato il no all’ultimo minuto (quando tutto era pronto) per la riapertura degli impianti sciistici. Tutto il settore è in subbuglio, dicono di sentirsi presi in giro oltre a trovarsi in una situazione finanziaria al collasso. E chiedono immediati ristori. La stagione ormai è giocata, e bisogna solo restare a galla.

Nelle ultime 48 ore – aggiunge Bussone – si è parlato solo di montagna e degli effetti della pandemia sullo sci, sull’economia di quelle zone che vivono di sport e turismo, oggi azzoppate.

Sono al centro del dibattito pubblico le località sciistiche messe in crisi dalla scelta di non aprire, il futuro economico dei territori, quali opportunità per svago, sport, turismo, nelle zone montane italiane senza sci.
Ma si inizia a parlare anche di quale sostenibilità-ambientale in montagna e di quale transizione digitale ed economica nei territori. Quale ruolo per i piccoli Comuni. Temi decisivi per tutti, per l’Italia.

È il momento giusto – conclude Bussone rivolgendosi al presidente del Consiglio Mario Draghi, ai Partiti e ai Ministri – per ribadire alla Politica che senza rappresentanza non si va lontano.

fonte

Un Commento

  1. Ma quando incassavano miliardi non hanno mai sentito il bisogno di un sottosegretario….
    Io ne farei anche uno alla collina e uno alla pianura; dai allora facciamone anche uno alla mezza montagna: di trombati alle elezioni che hanno bisogno di una poltrona ce ne sono tanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button