Rifugio Boè, primo in Italia con banda ultralarga

È la prima volta in Italia che si effettua un collegamento in un rifugio a quasi 3.000 metri in quota attraverso la tecnologia satellitare

Presso il Rifugio Boè, nel Gruppo del Sella, davanti alla parete nord-ovest del Piz Boè, Tim ha attivato il primo collegamento satellitare a banda ultralarga in alta quota.

Il primo in Italia

È la prima volta in Italia che si effettua un collegamento in un rifugio a quasi 3.000 metri in quota attraverso la tecnologia satellitare. Questo nuovo servizio offre la possibilità di navigare con la banda ultralarga e di portare la connettività anche nelle zone più remote.

 

LEGGI ANCHE Riapre il Rifugio Piz Boè dopo tre anni di lavori

 

L’eccezionalità dell’intervento al Rifugio Boè, situato nel comune di Canazei a 2.873 metri d’altitudine, effettuato con la collaborazione di Dolomites Network, è dovuta anche alle caratteristiche orografiche del territorio e alla logistica del rifugio situato nel centro del Gruppo montuoso del Sella. Per poter connettere la struttura sono stati necessari l’utilizzo di un elicottero, l’intervento di personale altamente specializzato ed il supporto tecnologica del Consorzio tecnologie avanzate.
Il collegamento del rifugio Boè è già pienamente operativo e garantisce una connessione in download di 50 MB.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button