Sergi Mingote tenterà l’invernale al K2

Col team Seven Summit Treks di cui dovrebbe far parte anche Ali Sapdara. Mingote salirà in stile pulito e senza ossigeno e con un progetto solidale da portare a termine in Pakistan

Sergi Mingote farà parte della spedizione di questo inverno sul K2, l’ultimo Ottomila a resistere nella stagione fredda.

Ad annunciarlo lo stesso Mingote sui suoi canali social. Mingote farà parte della spedizione di Seven Summit Treks, di cui già abbiam detto pochi giorni fa (QUI articolo).

Trattasi dell’operatore nepalese che ha tentato il K2 lo scorso inverno, e sappiamo come è andata. La spedizione partirà a dicembre e resterà sino a febbraio. Nel team 6 sherpa e alpinisti internazionali. Dovrebbero essere della squadra Ali Saltoro, Dawa Sherpa, John Snorri e pare che ci sarà anche Muhammad Ali Sadpara (prima ascensione Nanga Parbat con Alex Txikon e Simone Moro).

E ora si aggiunge lui, Sergi Mingote.

Dopo l’annuncio fatto da Seven Summit Treks sulle loro reti, voglio informarvi che il prossimo inverno, salvo una causa importante dovuta alla situazione che stiamo vivendo a causa della pandemia globale, andrò sul K2 per provare a scalare questa montagna.
Come sapete, il 2020 è un anno molto difficile per tutti e quelli di noi che amano la montagna e sono il nostro modo di vivere non fanno eccezione.
In questo senso, mi ha fatto male dover interrompere il mio progetto 14×1000 in cui volevo scalare le 14 vette di oltre 8000m, senza ossigeno supplementare, in circa 1000 giorni.
Dopo una partenza fantastica che sono riuscito a salire 7 ottomila: Broad Peak, K2, Manaslu, Lhotse, Nanga Parbat, Gasherbrum II e Dhaulagiri, tra il 16 luglio 2018 e il 3 ottobre 2019, ho dovuto rimandare prima il mio sogno la chiusura delle frontiere a livello internazionale.
Quando le misure si sono allentate in Europa, quest’estate ho potuto realizzare un altro progetto molto interessante che mi ha riempito di soddisfazione, il Percorso Olimpico, in qualità di ambasciatore a sostegno del Progetto di candidatura olimpica, dei Pirenei e di Barcellona, ​​per i Giochi Olimpici Invernali del 2030.
Al termine di questo progetto, la mia intenzione era di tornare per la stagione autunnale in Nepal e tentare di scalare due vette di 8000 m. Ma ancora una volta la situazione derivata dal COVID 19 mi ha impedito di realizzare i miei piani.
Il prolungarsi nel tempo di questa grave crisi sanitaria e la consapevolezza, attraverso i frequenti e affettuosi contatti che mantengo con i tanti amici che ho in Nepal e Pakistan dopo tanti anni, mi hanno reso consapevole della difficile situazione che stavano attraversando prima dell’arresto totale e assoluto del lavoro delle aziende dedite al turismo di montagna.
Questo mi ha portato a rilanciare un progetto di collaborazione, attraverso la Fondazione ONAT, per cercare di aiutare al meglio delle mie capacità, portando alcuni dei villaggi meno intraprendenti delle montagne del Pakistan con i beni di prima necessità a settembre indumenti e calzature caldi, soprattutto per i bambini, per aiutarli a trascorrere l’inverno in condizioni migliori. Siamo riusciti a raccogliere più di 250 kg, ma anche complicazioni burocratiche hanno vanificato questo tentativo.
Tuttavia, non è stato dimenticato. Insieme al mio compagno di spedizione e amico Carlos Garranzo, abbiamo continuato a lavorare per cercare di portare tutto questo materiale in Pakistan prima dell’inverno. Stavamo finalizzando le procedure e aggiustando le date, come effettuare la spedizione, come trasportarla alla sua destinazione finale … visto che tutte le spese sono da parte nostra, quando ho ricevuto l’invito da Dawa Sherpa a partecipare al suo progetto, co-guida della spedizione invernale in K2.
Non nascondo che ricevere la sua proposta è una grande tentazione per qualsiasi alpinista, qualcosa che sogni sempre. Essere in Karakorum in inverno e la possibilità di provare a fare quella che forse è l’ultima grande sfida invernale sugli Ottomila era qualcosa che non mi è uscito di testa.
Ma c’erano tanti fattori da tenere in considerazione: finanziario, familiare, solidale (non volevamo rinunciare al progetto di aiuti che avevamo in corso e abbinarlo al K2 è stato molto complicato).
Dopo aver valutato tutti questi fattori e aver potuto conoscere a fondo il progetto, ho preso una decisione. È un progetto molto serio e ben pianificato e, a meno che i confini internazionali non vengano nuovamente chiusi, il prossimo inverno andrò in Pakistan sia per realizzare il progetto di solidarietà sia per cercare di scalare il K2.
Come in precedenti occasioni, lo proverò il più “pulito” possibile e senza utilizzare ossigeno supplementare.

 

leggi anche Hervé Barmasse a Kilimangiaro, emozioni dalle montagne del pianeta

 

fonte/foto

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button