Sherlock Holmes e il tesoro delle Dolomiti

Primo titolo della Collana (Mulatero Editore) dedicata al celebre detective che con il fedele Watson sbarca sul continente e scende poi attraverso la Svizzera verso le Dolomiti...

Sapevate che Sherlock Holmes ha scalato una vetta delle Dolomiti? E che con lui c’era il dottor Watson, il suo amico e biografo che conosceva già i Monti Pallidi avendovi trascorso una vacanza?

 

IL LIBRO

Sherloch Holmes e il tesorodo delle Dolomiti
La Copertina

Primo titolo di una collana di apocrifi di grande qualità dedicati al celebre detective Sherlock Holmes. Questa avventura, scritta da due esperti conoscitori dell’alpinismo dolomitico come Fabrizio Torchio e Riccardo Decarli, è ambientata proprio nelle Dolomiti con tanto di ascesa su una delle vette più iconiche.
Nella migliore tradizione degli Sherlock Holmes apocrifi, l’investigatore più famoso al mondo è coinvolto in un’avventura lontana dalla patria britannica ma in luoghi in realtà ben conosciuti dai suoi connazionali.
Con il fedele Watson sbarca sul continente e scende poi attraverso la Svizzera verso le Dolomiti, sulle tracce dei rivoluzionari ungheresi in contatto con gli irredentisti trentini. Una storia di fantasia che ha tutte le caratteristiche delle storie vere, raccontata da due dei maggiori esperti di alpinismo dolomitico.

 

 

 

LA TRAMA

È una giornata di fine estate quando, a Londra, Sherlock Holmes e il dottor Watson vengono coinvolti da due alpinisti nello strano caso del furto dei loro zaini. Ripercorrendone le tracce, il celebre detective e il suo biografo devono risalire ad alcuni fatti misteriosi accaduti nel lontano Sikkim e in India, indagare al British Museum e affrontare indipendentisti indiani e oppositori dell’Impero asburgico per poi mettersi in viaggio alla volta dell’Italia e delle Alpi. Nel Trentino austriaco, dopo molte peripezie dovranno affrontare un’alta montagna, scalata per la prima volta da un loro connazionale, una delle vette più difficili delle Dolomiti. Al termine della pericolosa ascensione, sulla cima troveranno degli indizi utili per la soluzione del caso ma le nuove scoperte, tuttavia, li porteranno ancora più lontano: non più in mezzo alle montagne ma sulla riva del mare.

Perché Sherlock era in realtà un ottimo alpinista.

 


AUTORE: Riccardo Decarli, Fabrizio Torchio
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2021
EDITORE: Mulatero
COLLANA: BRIVIDI
NUMERO DI PAGINE: 288
CONFEZIONE: cartonato con sovracoperta
CARTA: book creamy 70 gr
FOTOGRAFIE: colori
FORMATO: 10,5 x 15
PESO: 0.4 kg
PREZZO: 16,90 €

 

 


AUTORI

Riccardo Decarli è nato a Trento. Da molti anni cura la Biblioteca della Montagna-SAT. Appassio-nato di montagna e speleologia, è autore di varie pubblicazioni sul tema. Con Fabrizio Torchio ha scritto “Ad est del romanticismo”, una storia degli alpinisti vittoriani sulle Dolomiti.
Fabrizio Torchio è nato a Trento. Giornalista del quotidiano L’Adige, ha scritto un’intera collana di guide delle montagne trentine, pubblicate dall’e-ditore Panorama. Appassionato di montagna, da qualche tempo ha intensificato lo studio delle origini dell’alpinismo sulle Dolomiti, firmando numerosi saggi.

 

COMPRA SU MULATERO

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button