Simon Gietl ripete da solo la via Hruschka sul Sass de Putia

Una volta in vetta è sceso in parapendio. Nuova avventura sulle Dolomiti per l'alpinista suditirolese dopo due settimane dall'impresa della traversata in invernale e in solitaria del Catinaccio

Finché faccio sogni mi sento vivo. Ho scalato in solitaria la parete nord del Sass de Putia, la “Hruschka”.

Parole di Simon Gietl. Una volta di cima è sceso in parapendio.

Il tutto risale a qualche giorno fa, sulle Dolomiti. Gietl non ha tempo per riposarsi, come dice, si sente vivo solo se fa sogni. E quando li realizza. Agli inizi di marzo davamo notizia della sua ennesima impresa. La skyline del Catinaccio, in tre giorni, da solo.

LEGGI ANCHE Simon Gietl, prima traversata invernale skyline del Catinaccio in solitaria

Ora, distanza di circa due settimane, l’alpinista sudtirolese mette a segno un altro suo bel progetto.  La via la conosceva, l’aveva salita altree volte, ma mai in inverno e mai da solo.

La Via

Il Sass da Putia (Peitlerkofel) è una cima frequentata dagli escursionisti perché offre una bella salita con una breve e facile ferrata finale. Dalla vetta si ha un bellissimo panorama a 360 gradi.
La parete nord è per gli alpinisti. Qui si sviluppano alcuni itinerari difficili. La linea più ripetuta è probabilmente proprio la Hruschka. Aperta da J. Hruschka con F. Neuner, R. Radschiller, W. Erschbaumer il 24 agosto del 1919. Oggi conosciuta con il semplice nome di via Classica.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Simon Gietl (@simongietl_alpinist)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button