Soccorso Alpino, sulle Dolomiti Bellunesi rafforzato l’uso dei droni

Il Soccorso Alpino si sta avvalendo sempre più dei droni per l’attività di ricerca e soccorso in montagna.

Pubblichiamo in merito la nota del Cnsas Veneto:

ll passaggio al nuovo anno è il momento in cui si tirano le somme del passato e si pianifica il futuro. Il Soccorso alpino e speleologico Veneto, con la II Delegazione Dolomiti Bellunesi, da alcuni anni si sta occupando di analizzare l’efficacia dell’uso degli Uas, Unmanned aircraft system, più notoriamente conosciuti col generico nome di droni, negli interventi di soccorso in montagna, ambiente impervio ed ostile.
Malgrado questa attività sia ancora in fase sperimentale, l’utilizzo nel 2022 ha visto il gruppo di piloti attualmente abilitati impegnati in 10 interventi, per un totale di 32 giorni e 386 ore uomo. Significativo è stato l’impegno in occasione del tragico evento del ghiacciaio della Marmolada, dove l’utilizzo del nuovo strumento ha permesso di monitorare l’area primaria e secondaria, della zona di distacco e di accumulo in totale sicurezza, evitando di esporre personale a terra al rischio oggettivo di successivi distacchi, permettendo inoltre di geolocalizzare numerosi reperti, recuperati in un secondo momento, con la tecnica dell’operatore collegato al gancio baricentrico dell’elicottero.
Per il 2023 il gruppo vede l’entrata di due nuovi piloti, che hanno da poco finito l’iter obbligatorio di legge, acquisendo attraverso una collaborazione con il Radio Club Belluno Nore, finanziato dal Centro servizi per il volontariato Belluno e Treviso, il brevetto A1_3 e A2, primo step per essere ammessi al corso nazionale per piloti Uas del Cnsas. Altri impegni importanti saranno l’evasione di un progetto che prevede l’acquisto dei velivoli e la formazione per tutte le Stazioni dell’area agordina e della Val di Zoldo. Continua inoltre la collaborazione con il team creatosi in occasione di un Progetto Interreg Italia – Austria, che vede gli operatori bellunesi confrontarsi con gli omologhi di Alto Adige, Tirolo e Baviera, sulle problematiche del soccorso in montagna e uso degli Uas. Non mancheranno, oltre alle consuete esercitazioni pratiche, anche lezioni teoriche per l’utilizzo di software specifici per la gestione del volo e la post elaborazione delle immagini, al fine di aumentare l’efficienza e l’efficacia delle operazioni di soccorso, con l’obiettivo primario di limitare sempre più l’esposizione al rischio delle squadre a terra.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Back to top button